Home Attualità Isernia. Il Comune consegna un defibrillatore al centro sportivo di San Lazzaro

Isernia. Il Comune consegna un defibrillatore al centro sportivo di San Lazzaro

Da ora in poi anche nel centro sportivo del quartiere San Lazzaro sarà possibile giocare e allenarsi con maggiore tranquillità e sicurezza. Il sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio ha infatti consegnato un defibrillatore alla scuola calcio san Leucio, la società che gestisce l’impianto. Con questo defibrillatore, il Comune di Isernia ha portato a termine il suo progetto che preveda di dotare di apparecchi salvavita le strutture sportive e le aree più frequentate della città, ha sottolineato l’assessore allo sport, Antonella Matticoli. Il progetto del Comune di Isernia è importante e assume maggior valore poiché il centro sportivo di San Lazzaro – ha ricordato Fabio Sferra, della scuola calcio San Leucio – è frequentato soprattutto da bambini. «I defibrillatori sono importanti strumenti salvavita – hanno sottolineato d’Apollonio e Matticoli –, fondamentali per soccorrere chi viene colpito da arresto cardiaco ed evitare le morti improvvise. In passato il Comune ha già dotato di defibrillatori alcune specifiche strutture sportive e luoghi con alta frequenza di persone, quali il palasport Fraraccio, l’area di Le Piane, lo stadio Lancellotta e l’auditorium Unità d’Italia. Con l’installazione d’un defibrillatore anche a San Lazzaro, si è completata la dotazione in tutti gli impianti sportivi comunali, garantendo una maggiore sicurezza». Ogni anno, in Italia, i defibrillatori salvano centinaia di vite. Si stima che, laddove è presente il defibrillatore, si risolve positivamente il 93% delle fibrillazioni ventricolari che possono provocare la morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Cattedrale di Campobasso, lavori al tetto quasi ultimati. Bregantini: “Speriamo di riaprire la chiesa per i Misteri del prossimo anno”

Era il 20 novembre di due anni fa: alcuni operai che lavoravano sul tetto del teatro Savoi…