Pubblicato: lunedì 10 settembre, 2018 - Tempo di lettura: 1 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Speciale Abruzzo/ “Non solo monete”

di MANUELA PETESCIA

La decisione di optare per il senato, presa di recente e, lasciatecelo dire, finalmente, da Luciano D’Alfonso – con 5 mesi di ritardo rispetto alle elezioni – sgombera il campo da una situazione politica che si era fatta insostenibile, e allo stesso tempo apre una riflessione sul potere in sé e sui doppi incarichi che non di rado e grazie a una serie di piccoli escamotage si riuniscono nelle mani di una sola persona.
L’argomentazione principale di D’Alfonso, quella di non aver percepito il doppio compenso di Presidente della regione Abruzzo e senatore della repubblica italiana, è apparsa sin dall’inizio inconsistente e demagogica.
La retribuzione, nel mondo della politica, non è fatta solo di denaro, bonifici, emolumenti, conti in banca.
La retribuzione è nel potere, nella carica stessa che si ricopre, tanto più se quella carica è rivestita in modo ingiusto, in palese contrasto – se non giuridico morale – con la norma dettata senza possibilità di equivoco dall’articolo 122 della Costituzione: «Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento».
La retribuzione è nei vantaggi conservati, nel diritto di incidere sulla data delle elezioni, − con il centrosinistra che vorrebbe ritardare quanto più possibile quella data, magari fino alla prossima primavera – nell’aver modo di preparare il terreno da una posizione di vantaggio.
Perché da una posizione di vantaggio di quella portata – riunire in un’unica persona la carica di presidente e senatore – è possibile:
• tessere accordi e alleanze strategiche;
• dirigere team qualificati di persone;
• disporre di risorse umane e materiali su vasta scala;
• piegare un imponente apparato burocratico e organizzativo ad esigenze politiche. Insomma il potere È, esso stesso, una retribuzione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi