Pubblicato: venerdì 12 gennaio, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Isernia: migranti fuori controllo, rapinano un ragazzo in pieno centro

Dopo l’aggressione con un tubo di ferro al sessantenne di Cantalupo e dopo le violenze contro un’operatrice presso lo Sprar di Sant’Agapito, nuovo episodio di cronaca che vede come protagonisti dei richiedenti asilo fuori controllo che si scagliano verso quegli stessi italiani che li ospitano.  È accaduto a Isernia, ieri sera, intorno alle 19, dietro la filiale della Banca Nazionale del Lavoro, dove un ventenne di Sessano è stato pestato a sangue da un gruppetto di migranti.

Tre richiedenti asilo lo hanno avvicinato, approfittando del fatto che in quel momento era solo per strada.

Con la scusa di chiedergli una sigaretta, lo hanno circondato con fare minaccioso e provocatorio. Il ventenne ha detto loro che non aveva sigarette, non fumava, e allora i tre migranti hanno iniziato a spintonarlo e a picchiarlo con calci e pugni, fino a buttarlo a terra per rubargli il portafoglio.

Il ragazzo ha subito chiesto aiuto e sul posto sono arrivati i sanitari del 118, che gli hanno prestato soccorso, e i Carabinieri che, in base alla sua testimonianza, stanno tentando di risalire agli autori della violenta aggressione.

Si tratta di un episodio di violenza in pieno centro, a Isernia, che non era mai accaduto. Enorme l’impatto che sta avendo sulla pubblica opinione, tanto che la cittadinanza, immediatamente si sta mobilitando usando come cassa di risonanza i social media. Sull’argomento è immediatamente intervenuto l’avvocato Oreste Scurti che, a nome di un gruppo di genitori che vuole urgentemente protestare al comune e in prefettura, ha dichiarato che chiederà subito un incontro sia al sindaco che al prefetto di Isernia, Fernando Guida, per invitarlo a sollecitare maggiori controlli per la sicurezza pubblica. Tra cui quello sugli elementi con precedenti specifici o a maggiore rischio.

Certo è che l’allarme e la tensione in città sono palpabili e viene consigliato sia ai ragazzi, che alle ragazze, di circolare e muoversi sempre in compagnia e di non girare da soli, specie di sera, perchè quanto accaduto poche ore fa desta profonda inquietudine nelle famiglie isernine.

Finora i migranti la violenza l’avevano quasi sempre contenuta nei loro ambiti, ma se qualcuno di loro comincia ad aggredire i ragazzi per strada, allora ogni discorso cambia, anche quelli relativi all’integrazione e alla tolleranza.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 



Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi