Pubblicato: mercoledì 14 dicembre, 2016 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Lettera aperta di un cittadino al sindaco di Campobasso: “un vecchio detto recita: la superbia andò a cavallo e tornò a piedi”

comune-campobasso-300x216

di AMEDEO ESPOSITO

La situazione del Liceo Artistico Manzù e l’eventuale spostamento in Via Roma, impone a tutti, maggioranza e minoranza, di assumersi una responsabilità nei confronti della Città. La invito a pensare ed agire da primo cittadino, cosa che ad oggi francamente mi è sfuggito, la invito a comportarsi da primo organo responsabile della pubblica incolumità e sicurezza e la invito ad incontrare i genitori e cittadini, faccia a faccia, spiegando la situazione. Spero trovi la forza ed il coraggio di spiegare, contrariamente non posso che consigliarLe la cosa migliore, quello di restituire non solo le chiavi delle scuole, ma le chiavi della città ad una persona più responsabile e competente. La mia non vuole essere una polemica che fa di Lei il capro espiatorio di tutti i mali della città, ma molti campobassani si sentono abbandonati alla sorte, troppo facile svolgere le competenze di sindaco in questo modo. Avevo ritenuto opportuno, fino a questo momento, non sollevare polveroni e vespai, né dare vita a facili strumentalizzazioni su un tema delicato, come quello della sicurezza delle scuole ma la responsabilità di genitore di un ragazzo che frequenta quella scuola si è rivelata determinante ed è prevalsa. Vorrei limitarmi a chiederLe lumi nelle sedi istituzionali, attraverso un’interrogazione in Consiglio Comunale. Preferirei, tralasciare le ambiguità ed anche gli equivoci a cui i social networks (benchè questa sia stata spesso la stessa strada scelta dall’amministrazione in moltissimi proclami), troppo spesso sono legati. La scuola pubblica, in quanto fattore determinante per costruire una società più giusta e più equa, è quindi un valore da affermare, da difendere e da sviluppare. Tutte le nostre scuole sono un patrimonio di servizi educativi ma sono anche un patrimonio materiale: edifici progettati e costruiti anni addietro e quindi con criticità che, nei prossimi anni, non potranno che aumentare. La sicurezza e l’incolumità dei cittadini meriterebbe comportamenti più responsabili ricordandoLe che gli adolescenti del Liceo Artistico Manzù non corrono meno rischi dei bambini della Don Milani!!!

 

1 Commento
Lascia un commento
  1. Arianna Di Biase ha detto:

    Ma perché quasi nessuno parla della situazione di forte degrado che sta vivendo il capoluogo da un po’ di anni a questa parte? Occorre un disegno per spiegare il concetto?

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise, reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001 - Editore E.I.S. srl – via San Giovanni in Golfo Z.I. 86100 Campobasso – P.IVA 01576640708
Editorialista Pasquale Di Bello - Direttore responsabile Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi