16.5 C
Campobasso
martedì, Maggio 28, 2024

Le Donne non si fermano

Altri comuniLe Donne non si fermano

Pubblichiamo qui di seguito il comunicato stampa della segretaria Confederale CGIL Molise, Sabrina Del Pozzo:

“Diventa LEGGE la norma che prevede la presenza di associazioni antiabortiste nei consultori. Ma perché
trattare così le Donne e non ascoltarle? Il Pnrr doveva servire per creare lavoro e servizi a sostegno delle
Donne. Ci si nasconde dietro una ‘semplice’ applicazione della Legge 194 ma non è così. Ciò che è stato
fatto è altro ma forse non viene spiegato bene o viene imposta una visione di parte. Soldi pubblici, di e per
tutte, vengono dati a favore di persone e associazioni che vedono l’aborto come un peccato e che
pretendono di imporre il proprio pensiero a tutte. Ti ritrovi delle persone che ti spiegano cosa è giusto fare
e non fare ma non vi sembra una forma di violenza questa? Non vi sembra qualcosa di inopportuno ed
eccessivo? Torniamo così a nascondere i problemi e le questioni sotto il tappeto e nelle mura di casa invece
di permettere a tutte di essere supportate e tutelate anche nella salute, senza vergogna ma con razionalità
e civiltà. Rischiamo di tornare agli aborti clandestini perché se non mettiamo le persone, le Donne, a
proprio agio e libere di chiedere aiuto senza il timore di essere giudicate lo faremo di nascosto rischiando la
vita. Non abbiamo bisogno di persone che ci fanno sentire in colpa o che ci indicano la strada per la
salvezza, certo è giusto informare ma è importante il come e per di più già viene fatto. Noi Donne abbiamo
bisogno di essere comprese e rispettate. Riconosco chi ha una visione differente dalla mia ci mancherebbe
altro. Anzi, probabilmente uno dei grandi problemi di oggi è la mancanza di confronto, di una discussione
aperta, libera e no unidirezionale. Qui si sta andando oltre e si sta imponendo quella ‘normalità’ che non
appartiene più alla nostra società e che non viene vissuta neppure da chi la pretende.
Nel corso del 25 Aprile, Giornata della Liberazione, riaffermiamo i valori della libertà e della democrazia. Se oggi penso alla Resistenza
penso alle Donne, ma penso anche alle lavoratrici e ai lavoratori che devono avere la prima parola e che
invece spesso non possono permettersi di avere neppure l’ultima. Penso alla Resistenza delle persone con
disabilità, a quella dei senza-dimora, dei migranti, delle studentesse e degli studenti, alle persone non libere
di essere ciò che vogliono al di là di un corpo, a tutte e tutti. Non arrendiamoci, l’impegno individuale
diventa collettivo e diventa forza”.

Ultime Notizie