Pubblicato: venerdì 06 febbraio, 2015 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Isernia, Brasiello verso le dimissioni

di ENZO DI GAETANO

Situazione ad altissima tensione al comune di Isernia. La crisi aperta dai dieci dissidenti, che hanno chiesto a Brasiello di rivedere squadra e programma, non sembra trovare vie di sbocco, anzi si avvita su se stessa, con ripicche e astio a livello personale tra i vari protagonisti di quella che può decisamente essere definita una sceneggiata da prima repubblica.
Le ultime indiscrezioni parlano di un Brasiello stanco e nauseato, che questa mattina è andato a Campobasso probabilmente per incontrare Frattura e Fanelli in cerca di aiuto e di appoggi.
Probabilmente nelle prossime ore il sindaco potrebbe riservarci una sorpresa, magari dimettendosi e così azzerare tutto, guadagnando venti giorni in cui può rivedere giunta e programma, anche se tutto sembra ruotare attorno agli assessorati.
C’è però da dire che sia i dissidenti, che lo stesso sindaco, non si sono resi conto che le regole del gioco sono cambiate. Oggi si vota il sindaco e se il sindaco non va più bene o lo si sfiducia apertamente, oppure lo si invita alle dimissioni. Ma da subito, senza perdersi nei labirinti di trattative senza né capo, né coda.
Proprio quello che sta succedendo a Isernia, dove prosegue a tappe quotidiane il muro contro muro tra le parti di una ex maggioranza che appare spaccata in due esatte metà. Da una parte i fedeli a Brasiello, dall’altra i dissidenti, gli irriducibili, che parlano di un programma e di una giunta che, giorno dopo giorno, dovranno essere verificati. In sostanza non c’è fiducia e allora davvero è meglio riandare a votare e non perdersi indietro ai bizantinismi che, oltretutto, la gente non capisce. Come non capisce il ricorso a Frattura e Fanelli, mettendo il cappello della regione su un problema che è solo di Isernia. Insomma c’è bisogno di coraggio da entrambe le parti, ma, in questo momento, il coraggio fugge e avanza lo stallo, la melina inconcludente, una prova peggiore di se stesso il centrosinistra non poteva darla. Fa le stesse cose che faceva il centrodestra, solo che allora c’era Iorio che dettava legge e metteva il guinzaglio a tutti i ribelli.
Oggi manca una guida ed è deprimente assai che per risolvere la crisi di Isernia bisogna andare da Frattura. È un atto di sottomissione che la città di Isernia non merita.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento
Lascia un commento
  1. Maurizio Moffa ha detto:

    Che bello il giornalismo molisano. Per Di Gaetano “..non perdersi indietro ai bizantinismi…”, “…il coraggio fugge…” ed infine l’ultima meravigliosa perla “…allora c’era Iorio che dettata legge e metteva il guinzaglio a tutti i ribelli…”. Avevamo il sospetto che alcuni politici fossero dei cani, oggi il buon Di Gaetano c’è ne dà conferma…. Il fatto è che anche qualche giornalista ha dimestichezza con il guinzaglio in Molise.

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 


Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi