proclamazione d'apollonioCon la proclamazione del sindaco e dei consiglieri comunali eletti, a Palazzo San Francesco è cominciata ufficialmente l’era d’Apollonio. Visibilmente emozionato nell’indossare la fascia tricolore, il primo cittadino ha voluto ringraziare tutti, dicendosi pronto a dare risposte concrete alle aspettative che la cittadinanza ripone nella nuova Amministrazione comunale di Isernia. Daremo il massimo e saremo determinati nell’affrontare e risolvere i problemi della città, ha detto d’Apollonio durante il suo intervento: «Ma per fare questo è necessario che tutti collaborino: non solo gli eletti e la struttura comunale ma anche gli stessi cittadini. La ricetta per uscire da questo momento di difficoltà è proprio questa: grandissimo senso di solidarietà. L’amministrazione siamo tutti noi, non c’è solo chi amministra da un parte, la struttura comunale dall’altra e dall’altra parte dello steccato i cittadini. Siamo tutti insime, tutti possono dare un contributo posivitivo pe costruire qualcosa di importante per la nostra città». Per d’Apollonio é dunque questa l’unica strada da seguire per far uscire Isernia dal momento di grande difficoltà che sta vivendo. Di emergenze ce ne sono tante. E a alcune di queste vanno affrontate in tempi rapidissimi: «Ci sono delle scadenze vicinissime. Una per tutte, la scuola dell’infanzia della don Bosco che riapre a settembre. Bisogna fare dei lavori nell’edificio che sarà individuato. Ci sono emergenze dovute anche a situazioni economico-finanziarie del Comune. Bisogna regolarizzare immediatamente i debiti fuori bilancio, c’è l’assesstamento dello stesso documento contabile che dovrà avvenire entro luglio. Ci sarà un consiglio comunale dedicato a questa situazione. Ci sono sono diversi provvedimenti urgenti da prendere, c’è da riavviare una situazione complessiva di decoro urbano e tanto altro ancora. Con ogni probabilità il primo consiglio comunale sarà convocato agli inizi di luglio, mentre per quanto riguarda il varo della giunta, il prossimo fine settimana potrebbe essere quello decisivo. Ma una cosa è certo: «Nulla è stato ancora deciso. Occorre riflettere bene prima di fare una scelta così importante – ha detto ancora d’Apollonio -: ho varie ipotesi, tutte aperte. I criteri? Dare riconoscimento a chi ha partecipato alla competizione elettorale. Senza escludere l’idea – ha concluso – di dare un supporto tecnico su materie specifiche».

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …