Home Attualità Torna l’autovelox sulla strada statale 85, nei pressi del bivio di Macchia d’Isernia
Attualità - Evidenza - QD - 19 Ottobre 2015

Torna l’autovelox sulla strada statale 85, nei pressi del bivio di Macchia d’Isernia

mario-stasiL’autovelox non muore mai.
Dopo un anno di vacanza la micidiale apparecchiatura tornerà a funzionare sulla statale 85, altrimenti detta Venafrana, nei pressi del bivio di Macchia d’Isernia, ma dovrebbe essere installato, sulla direzione opposta, ovvero fotografare le auto che superano i 70 all’ora in arrivo da Venafro e dirette a Isernia-Campobasso.
Il sindaco di Macchia d’Isernia, nella foto, è stato quindi di parola. Quando disinstallò l’autovelox dichiarò che l’apparecchiatura doveva essere spostata per alcuni lavori da effettuare nella zona. Finiti i lavori, Mario Stasi non ha perso neanche un minuto per accaparrarsi l’ambito riconoscimento di sindaco più amato dagli auotomobilisti. Infatti ha dato il via alla convenzione con una società di Cassino, procedendo all’affitto della nuova apparecchiatura e dei servizi di assistenza informatica all’ufficio di Polizia municipale per il corretto svolgimento delle procedure sanzionatorie. Per il noleggio dell’apparecchiatura fissa, il Comune di Macchia d’Isernia ha previsto un canone mensile di 1.300 euro più Iva a cui vanno aggiunti, per l’assistenza alla Polizia municipale, 15 euro più Iva per ogni multa emanata dal Municipio. La ditta laziale, inoltre, come si apprende dalla determina, ha fatto sapere di “voler offrire all’ente un contributo istituzionale di 40mila euro, a titolo di finanziamento delle spese di personale interno e di quello addetto al servizio di viabilità e sicurezza stradale”. Nella determina pubblicata on line non viene precisato se il dispositivo sarà collocato nello stesso punto della statale 85 in cui era situato fino a maggio scorso, ma si fa semplicemente presente che “su tale tratto di strada esiste regolare decreto prefettizio per lo svolgimento del controllo elettronico della velocità in postazione fissa con contestazione differita”. Secondo le indiscrezioni, potrebbe essere posizionato sull’altra corsia, pronto a ‘immortalare’ le auto provenienti da Venafro con direzione Isernia.

Potrebbe interessanti anche:

Farmacie molisane in campo a difesa delle donne: al via il Progetto Mimosa

Le donne vittime di violenza possono trovare nelle farmacie un luogo di ascolto e aiuto co…