Nessuna indagine su Telemolise, nessun blitz, né perquisizioni di sorta:  solo una normale procedura di accesso agli atti .

Questa mattina gli agenti della squadra mobile di Campobasso , coordinati da Giuseppe Annicchiarico, hanno visitato gli uffici amministrativi di Telemolise per effettuare alcuni riscontri di natura contabile.

Come sempre da parte di Telemolise c’è stata la massima collaborazione e sono state messe a disposizione le fatture richieste, solo fatture contabili e nient’altro: documenti registrati regolarmente, alla luce del sole.

È probabile che tali riscontri si effettueranno nei prossimi giorni anche presso altri organi di informazione locale.

Dunque nessuna indagine coinvolge la nostra emittente.

A tal proposito, viste alcune azioni di spettacolarizzazione mediatica  e pseudo scoop da parte di colleghi e, visto in particolare  il servizio di apertura dell’edizione delle 14 di Rai3 Molise e le pseudo notizie divulgate da alcuni organi telematici, dove si associa il nome della nostra emittente ad un’indagine che riguarda la corruzione negli enti pubblici, l’editore di Telemolise ha dato mandato all’avvocato Francesco Fimmanò di procedere in sede civile per il risarcimento dei danni all’immagine prodotti sulla nostra azienda .

Potrebbe interessanti anche:

Assessora e membro di ‘Azione’: Leda Ruggiero “congela” la partecipazione al partito

Assessora e membro di Azione: due cariche incomptabili? Sulla questione fa luce la diretta…