Pubblicato: martedì 05 giugno, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Preistoria, alla Sorbona di Parigi presentati tre siti archeologici molisani

Anche il Molise protagonista a Parigi, in questi giorni e fino al 9 giugno, al 18esimo Congresso internazionale di Scienze preistoriche e protostoriche, che si svolge all’Università la Sorbona. Sede di grande prestigio per un confronto tra ricercatori e studiosi di tutto il mondo, in particolare sul tema dell’adattamento e la sostenibilità delle società preistoriche e protostoriche ai cambiamenti climatici. Diverse le sessioni. Un focus approfondito su preistoria e protostoria che unisce diverse discipline.

Per il Molise sono tre i siti presentati alla Sorbona: Isernia La Pineta, Guado San Nicola a Monteroduni e Grotta Reali a Rocchetta al Volturno. Tutti in provincia di Isernia e tutti di enorme importanza scientifica, non solo per la storia molisana e italina, ma di tutto il bacino del Mediterraneo. Sono sotto la lente da tempo, sistematicamente studiati dall’Università di Ferrara.

Il sito del Paleolitico di Isernia, datato all’incirca 700mila anni fa, con i suoi tanti materiali archeologici e paleontologici è fondamentale per ricostruire i primi insediamenti umani in Europa. A dare ancora più valore all’area è stato il ritrovamento del dente di bimbo più antico d’Italia, risalente all’incirca a 600mila anni fa, testimonianza del passaggio dell’uomo in quella zona.

Guado San Nicola, invece, datato tra 400.000 e 350.000 anni fa, è considerato un sito chiave nell’ambito del dibattito sull’origine dei complessi culturali del Paleolitico medio e delle sue relazioni con quelli precedenti, per comprendere le dinamiche insediative, comportamentali e tecnologiche nel panorama preistorico italiano ed europeo.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese

Individuato nel 2001, infine, il sito di Grotta Reali a Rocchetta a Volturno, datato intorno ai 40mila anni fa, fornisce, tra le altre cose, un contributo importante per l’approfondimento della transizione tra Homo neanderthalensis e Homo sapiens.

Sempre alla Sorbona di Parigi, poi, ricercatori molisani hanno portato i risultati della missione archeologica italiana in Colombia che ha come obiettivo lo sviluppo delle conoscenze sulla preistoria colombiana. Si tratta di Brunella Muttillo, Giuseppe Lembo ed Ettore Rufo.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi