Già comune virtuoso per Legambiente in campo energetico, ora entra di diritto nei centri più ricicloni in soli pochi mesi dall’avvio della raccolta differenziata. A Toro, paese di 1500 anime, nella cintura di Campobasso, risparmiare nel rispetto dell’ambiente e del futuro dei più piccoli è diventato un obiettivo di tutti i cittadini e l’Amministrazione ora ha scommesso in una nuova sfida inaugurando la cosiddetta ‘fontana del sindaco’ in piazza Caduti di Nassirya. Una ecoisola dove si possono conferire lattine e contenitori di plastica, in cambio di acqua. Acqua che arriva dal Matese e che viene ulteriormente filtrata con tecnologie apposite. L’ecoisola sarà anche luogo d’incontro e socializzazione così come una volta intorno alla fontana si svolgeva la vita del paese. “Inauguriamo questo splendido gioiellino che è la casa dell’acqua dove finalmente i cittadini di Toro potranno prelevare acqua ossigenata e microfiltrata. Siamo soddisfati dalla tecnologia che ci è stata fornito un’azienda di Termoli la Ecocontrolgsm che ha vinto una gara d’appalto e ci ha fornito queste ecoisole informatizzate” ha spiegato il sindaco Angelo Simonelli. All’inaugurazione hanno preso parte anche gli amministratori di alcuni comuni campani interessati al sistema delle ecoisole e una delegazione venuta apposta dalla Romania, dove sono già pronti a partire con la nuova tecnologia. Una tecnologia, appunto, studiata e creata dalla EcontrolGsm di Termoli che a Toro, ma in tantissime altre realtà anche dell’Abruzzo, delle Marche e del Lazio è presente con le sue ecoisole di prossimità, dove i cittadini con le proprie tessere personali possono accedere alla struttura e conferire i rifiuti differenziati. Un sistema che a Toro ad esempio è partito solo da dicembre e che già ha fatto registrare percentuali di raccolta differenziata del 78 per cento. “La casa dell’acqua fa parte di un progetto che conclude la raccolta differenziata qui a Toro dove con le nostre ecoisole abbiamo dato la possibilità di una raccolta più selettiva. Per ogni contenitore di plastica o lattina conferita viene accreditato un centesimo. Ogni cinque centesimo si ha diritto a un litro di acqua. Altrimenti si può usare una tessera prepagata e recarsi proprio qui per prendere acqua sia liscia che gassata” ha spiegato Fausto Di Stefano, amministratore della Ecocontrolgsm.

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …