Antonio Di Pasquo, Sindaco di Pietrabbondante, ha affidato a Il Giornale del Molise il suo primo commento a caldo relativo alla vittoria del Bando Borghi PNRR “Linea di Azione A”. Il centro altomolisano, come vi avevamo anticipato QUI, è risultato vincitore dell’avviso che finanzierà un progetto di rigenerazione da 20 milioni di euro.

Un’occasione senza precedenti per Pietrabbondante e Di Pasquo non nasconde l’emozione: “Sono incredulo, ma molto felice. Non sono contento solo per l’Amministrazione, ma soprattutto per la mia gente. Gli abitanti di Pietrabbondante meritano questa occasione di riscatto sociale ed economico, dedico a loro questa vittoria.

Il borgo sannitico, vincitore unico del bando in Molise, punterà sul rilancio e la valorizzazione del complesso archeologico del Teatro Sannitico. “Il progetto che abbiamo presentato, denominato ‘Pietrabbondante, un angolo di mondo tra cielo e terra’, mira a rilanciare la nostra area archeologica sannitica. Parallelamente, inoltre, si punterà anche alla costruzione di nuove infrastrutture. – ha spiegato il Sindaco Di Pasquo – Completeremo il museo archeologico tramite l’allestimento di una nuova area per dare al complesso turistico un ulteriore slancio di attrattività. Lavoreremo anche sul recupero edilizio e sulla riqualificazione della nostra zona delle Morge; vogliamo che la vittoria del bando abbia una ricaduta anche sul piano dei servizi per i cittadini.

Tramite la firma dell’accordo di valorizzazione dell’area archeologica siglato il 6 agosto scorso, inoltre, il Comune di Pietrabbondante si attiverà anche per dare via libera all’apertura di nuove aree di scavo. “Al momento, il complesso turistico di Pietrabbondante accoglie ogni anno circa 20-25 mila visitatori. – ha aggiunto il primo cittadino – A fine del finanziamento dei 20 milioni punteremo a duplicare, anzi triplicare le presenze.

Il finanziamento del PNRR rappresenta per il Comune altomolisano una nuova alba colma di speranza. E il Sindaco non lo nasconde: “L’espressione ‘Pietrabbondante, un angolo di mondo tra cielo e terra’ è diventata un po’ il mio marchio, perché credo sia davvero così. Il nostro paese è un tesoro sotto ogni punto di vista. Spero che i giovani possano tornare ad abitare il territorio“.

Potrebbe interessanti anche:

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’associazione Notti Mediterranee di Roccavivara presenta il programma delle iniziative 2022

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’Associazione Notti Mediterranee di Roccaviva…