10.5 C
Campobasso
venerdì, Aprile 19, 2024

A Melburne si festeggia la Madonna Addolorata

Molisani nel mondoA Melburne si festeggia la Madonna Addolorata

MELBOURNE – (Australia) – La religione nel Molise ha radici profonde, talmente profonde che ancora oggi per chi è stato costretto a lasciare il proprio paese in cerca di una vita migliore altrove, o di chi ha scelto di venire in Australia, di sicuro tra le tante cose portava con se anche un’immagine sacra, del Santo Patrono, Gesù, Maria, Santi e Beati, Angeli, Pontefici e icone.

Pur vivendo così lontano dal proprio paese, questo rappresentava il modo migliore per sentirsi vicino, per pregare, chiedere aiuto e mantenendo così intatto il culto della fede cristiana.

Anche se di anni ne sono passati, oggi sono nate tante associazioni, il modo migliore per incontrarsi e sostenere le tradizoni e la cultura molisane all’estero trasmettendole ai propri figli. Un esempio è quella del Molise Club di Melbourne che tra le tante iniziative, tiene in modo particolare all’evento religioso dell’anno, i festeggiamenti della Madonna Addolorata Patrona del Molise di Castelpetroso.

Domenica 26 novembre, i festeggiamenti solenni in onore della Madonna di Castelpetroso si sono svolti nella chiesa Sacrato Cuore, di Oakleigh, un sobborgo di Melbourne e hanno visto una grande partecipazione dei fedeli.

Alle ore 11 l’Eucarestia è stata celebrata da Padre Giuliano Cavarzan con l’assistenza di Padre Eros il quale nell’omelia Padre Cavarzan ha ricordato che l’apparizione della Madonna avvenuta oltre un secolo fa, e tutto ciò che accaduto anno dopo anno fino ai nostri giorni.

Al termine dell’Eucarestia, prima della processione, ha ringraziato i fedeli per la partecipazione dimostrata a cui intere famiglie sono tuttora legate al Santuario di Maria SS. di Castelpetroso e ha sottolineato in particolare, l’operato dell’associazione molisana che si è fatta promotrice di questa bella e sentita processione, inno d’amore e ringraziamento a Maria Addolorata.

Poi si è svolta la processione preceduta dalle bandiere e dagli stendardi e con l’omaggio floreale dei bambini che portavano dei gigli bianchi come si usava nelle feste religiose in Italia.

La festa è proseguita fino a sera con oltre 400 persone che hanno cenato presso il “Freccia Azzurra Club” in un’atmosfera di grande amicizia, con balli e musiche molisane.

Da sottolinerare la partecipazione di moltissimi bambini e giovani, cosa che fa bene sperare per il futuro del Molise Club di Melbourne e tramandare le proprie tradizioni e costumi alle future generazioni.

 www.molisani.org

Ultime Notizie