34.4 C
Campobasso
giovedì, Luglio 18, 2024

Calcio a 5, Cln Cus Molise, Vilmar Pereira si presenta: “Felice di poter far parte di questo gruppo”

SportCalcio a 5, Cln Cus Molise, Vilmar Pereira si presenta: “Felice di poter far parte di questo gruppo”

Vilmar Pereira non vede l’ora di cominciare la sua nuova avventura al Cln Cus Molise. Desidera mettere a disposizione di compagni, staff tecnico le sue qualità e i suoi gol. Il laterale di nazionalità italiana ma formato italiano, è pronto ad una nuova sfida. “La chiamata di mister Sanginario è stata fondamentale per accettare questa nuova sfida in Molise – sottolinea –   lo conosco da tantissimo tempo, abbiamo sempre giocato contro ma tra di noi c’è stata sempre tanta stima e grandi rispetto. Desideravo tanto lavorare con lui e quando mi ha chiamato ho subito accettato la proposta. Sono felice”.

Da un punto di vista tecnico vedi molto bene la porta, quali le aspettative per questa nuova avventura a Campobasso?

Mi piace tanto tirare in porta – sorride – Scherzi a parte le aspettative sono quelle di aiutare la squadra il più possibile a raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissata. Tutti insieme possiamo fare qualcosa di buono e toglierci delle belle soddisfazioni”.

Hai affrontato la tua nuova squadra da avversario lo scorso anno. Che idea ti sei fatto?

“Lo scorso anno quando ero all’Itria ci siamo affrontati e il Cln Cus Molise ci ha creato tante difficoltà. Sono riusciti a fare un’ottima partita nonostante un momento poco felice per quanto riguarda i risultati.  Il Palaunimol per noi e per tutte le altre squadre si è rivelato sempre un campo difficile da espugnare”.

Che cosa ti aspetti dal prossimo campionato?

“Sappiamo tutti che il campionato di serie A2 élite è molto difficile ma sono convinto che saremo pronti a dare battaglia contro qualsiasi avversario per portare il più in alto possibile i colori rossoblù. Sono venuto a Campobasso per fare qualcosa di bello e importante insieme ai miei compagni di squadra”.

Dal punto di vista personale metterai a disposizione del gruppo la tua esperienza e le tue qualità. E’ così?

Assolutamente sì. Sono entusiasta di questa nuova avventura e spero di poter essere utile alla causa in ogni momento. Credo che tutti insieme riusciremo a fare qualcosa di positivo e ci divertiremo”.

Nella tua carriera ti sei sempre distinto in fase realizzativa. Quali sono le tue ambizioni a riguardo per il prossimo torneo?  

“Vengono sempre prima le ambizioni di squadra e poi quelle personali. Quello che posso dire è che io mi impegnerò sempre al massimo per fare gli interessi del gruppo, se poi arriveranno anche le soddisfazioni  personali tanto meglio”.

Parlando con la società cosa ti è piaciuto particolarmente di questo progetto?

“Per adesso ho parlato solo con il mister che conosco da tempo e  mi è bastato per accettare di arrivare a Campobasso. E’ una  persona seria che conosce il futsal. Seguendo le sue indicazioni potremo arrivare lontano. Poi con calma avrò modo di conoscere anche il resto della società. So che amano fare le cose per bene e non avrò assolutamente problemi di ambientamento”.

Con l’Itria avete fatto un buon torneo, sei soddisfatto di come è andata?

“Sono troppo autocritico con me stesso, penso che con l’Itria e stato bello però sicuramente si poteva fare molto meglio a livello personale. E’ stata sicuramente una bellissima esperienza, sono cresciuto tanto e ho imparato molto con mister Bruno che mi ha aiutato davvero tanto. Per questo li ringrazio”.

 Un’ultima domanda che è anche una curiosità. Sei soprannominato la Vipera di San Paolo, come è nato?

“Allora, il soprannome Vipera arriva da Gianluca Valente, grande amico mio telecronista della squadra Futsal Bisceglie. Quando giocavo lì lui diceva che nei momenti difficili avevo il morso della vipera. Da allora tutti mi conoscono con il soprannome la Vipera di San Paolo”.

 

 

Ultime Notizie