32.1 C
Campobasso
sabato, Luglio 20, 2024

Lotto Zero: il Consiglio di Stato accoglie l’istanza della Regione

CronacaLotto Zero: il Consiglio di Stato accoglie l’istanza della Regione

La battaglia legale sul Lotto Zero continua. La IV Sezione del Consiglio di Stato ha pronunciato apposita ordinanza con cui ha accolto il ricorso presentato da Regione Molise, Arpa e Anas contro il Comune di Isernia e il WWF.

Come noto lo scorso mese di marzo il Tar MOLISE aveva dato ragione al Comune di Isernia  che  nel 2021 impugnò la determinazione del direttore del II Dipartimento della Regione Molise (n. 92 del 30.09.2021) relativa alla proroga del provvedimento di Valutazione di Impatto Ambientale.

Ricorso volto, in sostanza, a verificare la regolarità delle procedure, con particolare riferimento alla VIA, che hanno portato al rilascio delle autorizzazioni per l’avvio del cantiere per il completamento dell’ultimo tratto della superstrada Isernia-Castel di Sangro.

In risposta Regione, Arpa e Anas si sono rivolte al Consiglio di Stato per chiedere la riforma della sentenza dei giudici amministrativi.

“Considerato che, prima della scadenza del termine di efficacia della V.I.A., è intervenuta la conferenza di servizi, svoltasi ai sensi e per le finalità degli artt. 3 e 4 del d.P.R. n. 383/1994, nella quale è stato approvato l’intervento oggetto del presente giudizio all’unanimità, con la partecipazione anche della Regione – si legge nell’Ordinanza del Consiglio di Stato – Il provvedimento del 15 aprile 2016, di approvazione dei risultati della conferenza di servizi, seguito poi dalla determinazione conclusiva favorevole della conferenza dei servizi, pubblicato sul BUR Molise n. 22 del 01.06.2016, ha sostituito a tutti gli effetti ogni autorizzazione, concessione, nulla-osta atto di assenso, comunque denominato delle amministrazioni partecipanti ed invitate a partecipare all’indetto procedimento valutativo”.

I giudici hanno così “dover accogliere la domanda cautelare, dovendosi ritenere prorogati gli effetti della V.I.A. E che le stesse considerazioni valgono per l’autorizzazione paesaggistica”.

Per queste ragioni, il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza cautelare sospendendo, l’esecutività della sentenza impugnata. L’udienza di merito è fissata per il prossimo 29 ottobre.

Ultime Notizie