23.9 C
Campobasso
martedì, Giugno 25, 2024

Campobasso, le coalizioni confermano l’errore: si va verso il ballottaggio

AperturaCampobasso, le coalizioni confermano l'errore: si va verso il ballottaggio

Ancora ore di attesa per la ricognizione del voto amministrativo a Campobasso dopo il tamponamento a catena tra dati elettorali che ha paralizzato la proclamazione del nuovo sindaco o, in alternativa, l’indizione del turno di ballottaggio. Un possibile sbaglio nell’inserimento dei dati è alla base del pasticciaccio, per dirla con Gadda. Dati comunali smentiti da tre raccolte separate e convergenti delle coalizioni. Un labirinto di numeri, scartoffie e procedure, talmente ingarbugliato che in confronto quello leggendario di Cnosso diventa ai piedi della collina Monforte una sorta di autostrada a otto corsie per carreggiata. Fuori e oltre le metafore, quello che si è verificato nel capoluogo di regione è un caos a dir poco imbarazzante che tiene sospesa la città a mezz’aria, come certi angeli attaccati alla capanna del presepe, che non vanno né in cielo né in terra. In tale posizione celeste si trovano sia il candidato del centrodestra, Aldo De Benedittis, sia la candidata del fronte progressista, Marialuisa Forte, il cui destino non è dato di conoscere sino a quando l’Ufficio Centrale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Campobasso non avrà riesaminato i verbali conclusivi delle 56 sezioni cittadine per determinare i valori assoluti di preferenze relativi a ciascun candidato sindaco in corsa. Oltre a De Benedittis e Forte, recita ancora un ruolo da attore protagonista anche Pino Ruta, candidato primo cittadino per la Coalizione civica che, in questo caso, è attaccato pure lui a mezz’aria alla capanna di un ventuale apparentamento in caso di ballottaggio.

L’errore che tutti i rappresentanti di partito e coalizione hanno rilevato nel corso di una verifica, con unanimità di giudizio, sta nell’errato conteggio del voto disgiunto espresso da molti elettori tra lista e sindaco e che ha determinato alla fine il caos contabile e la presenza di dati solo all’apparenza conformi sul sito Eligendo del ministero dell’Interno. Eligendo, gerundio presente, in questo caso dovrebbe far rima con chiarendo, poiché il nebbione fitto che si è alzato sulle elezioni di Campobasso alligna proprio sul sito del Ministero dell’Interno. Per dovere di cronaca va ricordato che i dati presenti su Eligendo danno Aldo De Benedittis al 52 % Marialuisa Forte al 32 e Pino Ruta al 15. Analogamente, le raccolte private, danno tutte i seguenti risultati: De Benedittis 48%, Forte 32 e Ruta 20.

A chiarire ed eventualmente rettificare, ci penserà nelle prossime ore l’Ufficio Elettorale Centrale affidato alla guida del giudice Roberta D’Onofrio. Sapremo allora, solo allora, l’esito definitivo del voto espresso l’8 e 9 giugno scorsi.

Ultimo, ma non certo meno importante, è lo spettro dell’anatra zoppa, ovvero di una differenza di colore tra consiglio comunale, in questo caso già assegnato al centrodestra, e sindaco da eleggere.

Ultime Notizie