16 C
Campobasso
martedì, Maggio 28, 2024

Primo Maggio, Cgil Molise e Chieti lanciano proposta per lavoro e sviluppo del territorio

AttualitàPrimo Maggio, Cgil Molise e Chieti lanciano proposta per lavoro e sviluppo del territorio

Riceviamo e pubblichiamo la nota della Cgil Molise per la festa del lavoro

In questo primo maggio il sindacato ha il dovere di riportare al centro del dibattito politico e
sociale temi come la pace, l’equità sociale e il LAVORO sicuro e dignitoso. Temi
centrali anche per i nostri territori che risentono in maniera più o meno diretta degli effetti
economici e geopolitici delle guerre e che sono attraversati da crisi industriali (quelle già in
essere e quelle prospettate) che aumentano il clima di precarietà e incertezza ormai da
troppi anni in tutto il mezzogiorno d’Italia e nel Molise. La preoccupazione locale aumenta
se si considerano i ritardi attuativi per la messa a terra dei fondi di programmazione
ordinari e straordinari, per la discussione di politiche attive e passive del lavoro e per
l’offerta di servizi essenziali come sanità, istruzione, mobilità e infrastrutture. Inoltre c’è
la necessità di mettere in campo una politica seria nazionale e locale per dare un freno
alla tremenda serie degli incidenti sul lavoro che purtroppo hanno caratterizzato anche
la cronaca nera molisana nelle scorse settimane. Discorso a parte meriterebbero le prese
di posizione delle compagini politiche governative rispetto a quello che riteniamo uno
sciagurato disegno di legge per le regioni “più deboli” del nostro sistema Paese :
l’autonomia differenziata. I lavoratori, soprattutto quelli molisani, per festeggiare
veramente qualcosa nella giornata del primo maggio e nei mesi successivi, avrebbero
magari bisogno di avere qualche certezza in più per loro e per i loro figli, considerata
anche la drammatica emergenza contestuale legata agli inesorabili fenomeni di
emigrazione e di spopolamento dei nostri territori. La CGIL del Molise, insieme alla
CGIL di Chieti e nell’ambito di una vasta proposta di iniziative della CGIL ABRUZZO
MOLISE, ha organizzato, proprio per la giornata del primo maggio, un’iniziativa di
riflessione che vedrà il sindacato impegnato a discutere con le istituzioni locali, provinciali
e regionali di Abruzzo e Molise sui temi dello sviluppo sostenibile del territorio
coniugato alla proposta di lavoro dignitoso, stabile e sicuro. L’appuntamento è per
domani a San Salvo – ore 9.30 – presso il Palazzetto dello sport in via Ferdinando
Magellano. “In un momento di difficoltà come questo – ha dichiarato il Segretario
Generale della CGIL Molise Paolo De Socio – non siamo affascinati dalle suggestioni che
rilanciano fusioni istituzionali a freddo tra diversi territori abruzzesi e molisani ma riteniamo
importante creare sinergie per l’erogazione di servizi, programmazioni infrastrutturali
condivise e per mettere in rete le realtà istituzionali e produttive che insistono sul Chietino
e sulla zona industriale di Termoli e del Molise. Inoltre – conclude De Socio – dovremmo
provare a strutturare una discussione di alto livello per la messa in rete delle realtà in
grado di contribuire allo sviluppo locale con la forza delle lunghe leve della conoscenza
tese a fornire nuova intelligenza al servizio dei processi di trasformazione ecologica ed
energetica, favorendo l’interazione tra istituzioni, parti sociali, soggetti della
formazione e università che valorizzino proprio la cosiddetta terza missione degli atenei
tesa a dare risposte ai futuri laureati e al territorio attraverso la proposta non solo della
didattica ordinaria ma anche di Ricerca e Innovazione che contribuiscano allo sviluppo
culturale ed economico complessivo delle nostre Regioni.” La CGIL annuncia che in
questi giorni continuerà incessantemente anche la raccolta firme per i Referendum volti
ad aumentare tutele e diritti in materia di sicurezza sul lavoro e licenziamenti e per dare
una sterzata rispetto alle storture messe in campo negli scorsi anni dal Jobs Act.

Ultime Notizie