18.2 C
Campobasso
martedì, Maggio 21, 2024

Anniversario massacro di Ferrazzano: Angelo Izzo, 50 anni trascorsi in carcere

AperturaAnniversario massacro di Ferrazzano: Angelo Izzo, 50 anni trascorsi in carcere

Come oggi era una bella giornata di sole primaverile. Una giornata che fu però segnata da uno dei più tragici fatti di cronaca nera nella storia della regione. Il 28 aprile di 19 anni fa Angelo Izzo, con la complicità di Luca Palaia, uccise a Ferrazzano Maria Carmela e Valentina Maiorano, mamma e figlia, soffocandole e tentando di farle sparire per sempre, sotterrando i loro corpi nel giardino della villetta teatro dei delitti. L’anno prossimo saranno passati 20 anni da quella tragedia, ma che ne è oggi di quel serial killer che in Molise nel 2005 replicò nei fatti – 30 anni dopo – il massacro del Circeo avvenuto alla metà degli anni settanta?

Izzo poche settimane dopo gli omicidi di Ferrazzano fu trasferito a Velletri. Queste sono proprio le immagini del momento in cui lascia il carcere di Campobasso. Da allora è sempre rimasto recluso in quel penitenziario dove si è sposato, poi si è separato, dove si occupa di libri e di tanto in tanto fa nuove rivelazioni attraverso interviste, libri o deposizioni in aule di tribunale. Sconta un nuovo ergastolo, dopo quello del Circeo, e il suo è un caso rarissimo in Italia. E’ uno dei pochi detenuti che ha trascorso praticamente 50 anni in cella. Il prossimo 23 agosto compirà 69 anni quasi tutti passati dietro le sbarre. Quando tornò ad uccidere in Molise era reduce da una reclusione durata 30 anni e in quei giorni non era ancora libero: scontava un regime di semilibertà per il quale ogni sera doveva rientrare nel penitenziario di via Cavour. Poi il nuovo arresto e i 19 anni trascorsi nel carcere di Velletri. Nella sua follia mai un momento di rassegnazione o di pentimento. Anche quando a Campobasso fu condannato di nuovo al carcere a vita, pochi minuti dopo rispondeva spavaldo “Ci rifaremo in Appello” a chi gli chiedeva dell’ergastolo appena incassato.

Ultime Notizie