17.2 C
Campobasso
mercoledì, Maggio 29, 2024

Comunali, Lotito: “Su Campobasso la competenza è del tavolo nazionale. Faccio appello all’unità della coalizione”

AperturaComunali, Lotito: "Su Campobasso la competenza è del tavolo nazionale. Faccio appello all'unità della coalizione"

E’ un Claudio Lotito disteso e fiducioso quello che risponde al telefono interpellato da Telemolise. Tema della conversazione le prossime elezioni amministrative e, segnatamente, la trattativa per il Comune di Campobasso che sembra essere finita su un binario morto.

Intanto precisiamo – dice Lotito – che Campobasso non ha nulla a che fare con il futuro vertice della città di Termoli. Campobasso è un comune capoluogo di regione che rientra in una logica nazionale di coalizione e quindi – in definitiva – fa capo alle decisioni che le segreterie nazionali vanno progressivamente assumento”. E’ chiaro – prosegue Lotito – che si lavora anche sul territorio per trasferire a Roma le giuste indicazioni. In quest senso il mio invito è quello di mettere da parte personalismi e lavorare per l’unità della coalizione. Sono convinto – conclude Lotito – che nelle prossime ore riusciremo a dare al nostro elettorato un nome all’altezza della situazione, un nome capace di portare la coalizione a vincere le elezioni e a governare la città. Occorre – finisce Lotito – una persona che abbia lo standing – quindi la postura giusta – per governare un comune importante”.

Lotito confida nel trend positivo che ha visto l’affermazione del centrodestra in Abruzzo e con ottime possibilità di vittoria in Basilicata.

Sul piano generale la situazione resta stazionaria, senza passi avanti. E’ trapelata nelle ultime ore una voce su un possibile rientro in gioco di Fratelli d’Italia come forza cui spetterebbe la candidatura a sindaco. Voce, tuttavia, che al primo giorno di scuola politica, chiunque darebbe per improbabile. Dopo aver candidato la figura più alta in grado del territorio, il Presidente del Consiglio regionale, Quintino Pallante, e dopo che quest’ultimo si è determinato ad un passo indietro visti i minuetti della coalizione, parrebbe strano che – sia detto absit iniuria verbis – senza offesa per nessuno – che venissero formulati nomi di complemento al posto degli ufficiali.

Ultime Notizie