18.2 C
Campobasso
venerdì, Maggio 31, 2024

Incidente di Guardiaregia: svolta nelle indagini, ci sono 4 indagati

AperturaIncidente di Guardiaregia: svolta nelle indagini, ci sono 4 indagati

La Procura di Campobasso ha iscritto quattro persone nel registro degli indagati per l’ennesimo, tragico infortunio sul lavoro costato la vita, a soli 53 anni, a Claudio Amodeo, l’operaio di Vinchiaturo rimasto gravemente ustionato a causa dell’incendio e dell’esplosione generatisi giovedì 4 aprile all’interno di una cabina elettrica della cementeria della Heidelberg Materialis Italia Cementi di Guardiaregia, azienda di cui la vittima era dipendente con regolare contratto: com’è tristemente noto, il lavoratore è spirato dopo due giorni di agonia, sabato scorso, al Centro Grandi Ustionati di Napoli dov’era stato trasportato in condizioni disperate.

Il procedimento penale per l’ipotesi di reato di omicidio colposo, con l’aggravante di essere stato commesso con la violazione delle norme antinfortunistiche, è stato aperto nei confronti di G. C., 58 anni, di Roma, figura apicale dell’azienda e direttore dello stabilimento di Guardiaregia, R. D. R., 53 anni, di Salerno, manager di produzione del gruppo Italcementi e responsabile “chimico” dell’opificio; G. R., 53 anni, di Guardiaregia, capo tecnico d’esercizio e responsabile della sala operativa del cementificio, E. M. D. B., 58 anni, di Guardiaregia, tecnico della manutenzione e responsabile della cabina elettrica “incriminata” che a sua volta è rimasto gravemente ferito nell’incidente.

Un atto, quello del magistrato inquirente, anche dovuto per consentire agli indagati di nominare eventuali consulenti di parte per gli accertamenti non ripetibili. Su rogatoria della Procura di Campobasso, infatti, il Pubblico Ministero della Procura di Napoli, città dove, come detto, l’operaio è deceduto, il dottor Silvio Pavia, ha disposto l’autopsia sulla salma per accertare le cause del decesso e ha affidato l’incarico al medico legale Pietro Tarsitano, con operazioni peritali a seguire.

La moglie, i due figli, entrambi minorenni, la mamma e i due fratelli di Claudio Amodeo, distrutti dal dolore e dalla rabbia per l’ennesima e inaccettabile morte sul lavoro del loro caro, per essere assistiti, fare piena luce sui fatti e sulle responsabilità e ottenere giustizia, attraverso l’Area Manager per la Puglia e il Molise Sabino del Benedictis, si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, “che profonderà ogni sforzo – affermano i legali – per dare loro risposte e metterà a disposizione anche un ingegnere elettrico come consulente per la parte offesa nelle operazioni peritali sulla dinamica del sinistro, unitamente all’avvocato Fabio Ferrara del Foro di Bari”.

Ultimato l’esame, l’autorità giudiziaria ha rilasciato il nulla osta per la sepoltura: i funerali si svolgeranno quindi domani, sabato 13 aprile, alle 15, nella Chiesa parrocchiale di Santa Croce a Vinchiaturo.

Ultime Notizie