18.2 C
Campobasso
venerdì, Maggio 31, 2024

Rimborsi per le spese carburanti riscossi e non dovuti. La procura di Isernia ha iscritto nel registro degli indagati due dipendenti della comunità montana

AperturaRimborsi per le spese carburanti riscossi e non dovuti. La procura di Isernia ha iscritto nel registro degli indagati due dipendenti della comunità montana

Avrebbero aumentato i maniera fittizia i riconoscimenti dei rimborsi spese per alcune trasferte. Con l’ipotesi di truffa la Procura di Isernia ha iscritto nel registro degli indagati due persone, impiegate rispettivamente nelle Comunità Montane “del Volturno” e “Centro Pentria”.

Due in tutto le ordinanze cautelari, emesse dal Gip del Tribunale di Isernia su richiesta della Procura della Repubblica, eseguite in questa settimana dal personale della Digos della Questura.

Per gli indagati è scattata la sospensione dai Pubblici Uffici e Servizi per 6 mesi e il sequestro preventivo delle somme sottratte.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, ai due venivano riconosciuti rimborsi spese per le necessarie trasferte, che avrebbero gonfiato in modo spropositato, per compensi fino a 1000/2000 euro al mese. Presunte missioni con un chilometraggio non in linea a quello effettivamente percorso dalle loro autovetture.

Le due persone indagate sono state sottoposte ad interrogatorio da parte del Gip prima dell’adozione dell’Ordinanza cautelare. In tutto sono stati sequestrati circa 15 mila e 21 mila euro ad ognuno degli indagati, ovvero l’ammontare dei rimborsi ottenuti illecitamente.

Ultime Notizie