La comunicazione pubblica è regolata da una apposita legge del 2000 che prevede due ruoli fondamentali: il portavoce e l’ufficio stampa. Le due funzioni, e quindi le due figure, sono ben distinte, separate e non sovrapponibili nelle funzioni”. E quanto ricordano in una nota congiunta il presidente dell’Ordine dei gionalisti del Molise Vincenzo Cimino e il presidente di Assostampa Molise Giuseppe Di Pietro. “Gli enti locali del Molise devono, dunque, adeguarsi alla Legge vigente – prosegue la nota – evitando di ricorrere a libere interpretazioni (come i portavoce che svolgono il ruolo di ufficio stampa) o a surroghe non ammesse, come nel caso di amministratori o segreterie che firmano comunicati stampa”. Nei prossimi giorni, Assostampa e Ordine dei giornalisti avvieranno una azione informativa sulla materia nelle amministrazioni locali del Molise, “onde evitare – concludono Cimino e Di Pietro – spiacevoli ricorsi e contenziosi”. 

Potrebbe interessanti anche:

Comunali Termoli, l’avvocato Giuseppe “Joe” Mileti candidato sindaco per la coalizione progressista

La coalizione progressista di Termoli, formata da Partito Democratico, MoVimento 5 Stelle,…