Il cavallo di battaglia elettorale simboleggiato dal Decreto Molise che il centrodestra ha preso a sventolare diciassette mesi fa e al quale, da parte nostra, non avevamo del resto mai dato minimamente credito, è oramai destinato a spegnersi anche come puro slogan”. Lo afferma il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Roberto Gravina. “Dopo le ultime dichiarazioni rilasciate dall’onorevole Lorenzo Cesa agli organi di stampa in merito al famigerato Decreto Molise – aggiunge – del quale si sono perse le tracce praticamente sin dal giorno dopo la fine della campagna elettorale, appare chiaro a tutti i cittadini molisani la colossale presa in giro perpetrata alle loro spalle da parte di chi avrebbe dovuto rappresentarli in Parlamento”.

Gravina infine conclude: “Cesa, dopo tante certezze proclamate nel corso di questi diciassette mesi, ha praticamente ammesso di essere a un punto morto, lui come tutti gli altri rappresentanti del centrodestra molisano in Parlamento, e di considerare oramai davvero difficile la possibilità di ottenere le somme necessarie, definite da lui stesso ingenti, per portare a casa il Decreto Molise”.

Potrebbe interessanti anche:

Comunali Termoli, l’avvocato Giuseppe “Joe” Mileti candidato sindaco per la coalizione progressista

La coalizione progressista di Termoli, formata da Partito Democratico, MoVimento 5 Stelle,…