9.3 C
Campobasso
venerdì, Marzo 1, 2024

Le prime parole del nuovo arcivescovo di Campobasso: “Darò tutto me stesso”

AperturaLe prime parole del nuovo arcivescovo di Campobasso: "Darò tutto me stesso"

“Ringrazio Dio perché ha espresso la sua volontà, io non ci credevo, pensavo che sarebbe stato difficile che succedesse. Quando Dio chiama, attraverso la persona del Papa, e in modo esplicito e chiaro chiede disponibilità, possono esserci tanti sentimenti di gratitudine, stima e riconoscenza, ma come risposta c’è solo l’obbedienza”. Sono le prime parole di monsignor Biagio Colaianni dopo che Papa Francesco lo ha nominato nuovo arcivescovo della Diocesi di Campobasso-Bojano. Le ha pronunciate nella Cattedrale di Matera appena la nomina è stata ufficializzata dalla Santa Sede.
“A volte – ha aggiunto – c’è la paura dell’inadeguatezza, della pochezza, del sentirsi incapace di tante cose, ma poi nel momento in cui Dio chiama, si vede che lui sa quello che fa. Io mi fido di Dio e accetto il compito che mi viene dato, con una condizione personale, a me stesso, di non risparmiarmi e di dare tutto me stesso”

“Esprimo gratitudine al Papa per l’ottima scelta”. Così invece monsignor Giancarlo Bregantini subito dopo l’annuncio del suo predecessore alla guida della Diocesi di Campobasso-Bojano, monsignor Biagio Colaianni.  “E’ una scelta ponderata – ha aggiunto – che ha superato i confini della regione, ma il Papa ha preso da una regione simile alla nostra. Quindi arriva un vescovo che viene da un’altra terra, ma che può capire la nostra terra”. Bregantini subito dopo l’annuncio del Vaticano ha salutato il clero e ha poi incontrato i giornalisti comunicando che resterà a vivere in Molise: “Continuerò la mia attività, d’intesa con il nuovo arcivescovo lo accompagnerò quando sarà necessario. Ma rispettando tantissimo la sua autonomia. Quando vorrà avere un aiuto io potrò darglielo”. Bregantini ha già avuto un colloquio al telefono con Colaianni. “Mi sono impegnato a riaprire la Cattedrale in modo tale che al suo arrivo possa essere accolto lì. Ci saranno tre momenti diversi: prima la consacrazione a Matera, poi la riapertura della Cattedrale e infine l’ingresso del nuovo arcivescovo a Campobasso”.

 

Ultime Notizie