Vincenzo Niro è il nuovo sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale. A nominarlo, questa mattina con un proprio decreto, è stato il presidente della Regione, Francesco Roberti.

Il segretario regionale dei Popolari per l’Italia la spunta quinti per il momento su Roberto Di Baggio, anche lui in predicato sino a qualche ora fa per la medesima nomina. La scelta di Roberti allarga quindi l’area della rappresentanza politica attribuendo così un ruolo paragovernativo alla formazione centrista che ha come leader nazionale l’ex Ministro della Difesa del Governo guidato da Enrico Letta.

A Vincenzo Niro sarà quindi consentito di partecipare alle riunioni della Giunta regionale, ma senza diritto di voto. Potrà rappresentare il Presidente Roberti, su sua delega espressa, nelle riunioni istituzionali ed operative inerenti anche ad attività di rilevanza esterna. Inoltre Niro, nella sua veste di sottosegretario, potrà rispondere, sempre su delega del Presidente della Regione, alle interrogazioni presentate in Consiglio regionale.

La nomina di Niro non esaurisce tuttavia il quadro degli incarichi in divenire. A firma di Francesco Roberti, nella sua veste di Consigliere regionale, è stata presentata una proposta di legge di modifica dello Statuto regionale che prevede l’istituzione del secondo sottosegretario e della figura del consigliere delegato. La necessità, ha spiegato lo stesso Roberti, sta nellassicurare la presenza della Regione in tutte le commissioni romane legate alla conferenza stato-regioni dove il Molise rischia, per mancanza numerica di personale politico, di essere assente. Una scelta, quindi, che parendo dalla funzionalità dell’ente Regione diventa anche una camera di compensazione delle istanze politiche.

Potrebbe interessanti anche:

Pizzone II, Enel ci riprova: ecco punto per punto il nuovo progetto dimezzato

Alla fine passa la linea del dialogo, seppur con ognuno fermo sulle proprie posizioni: l&#…