Il candidato del centrosinistra Daniele Saia è il nuovo presidente della Provincia di Isernia. Pronostici rispettati per il sindaco di Agnone, che vince grazie ai voti ponderati.Saia fa il pieno di voti nella sua Agnone (13 a 3) mentre il suo sfidante, il presidente uscente candidato per il centrodestra Alfredo Ricci, stravince nei piccoli comuni. A Isernia e Venafro invece viene rispettato il pronostico dei quattro voti di distacco: 27 per Ricci contro i 23 per Saia.
Una vittoria sul filo per il candidato del centrosinistra, la seconda per la coalizione alle provinciali dopo l’elezione di Pino Puchetti a Campobasso. “E’ stata una grande sofferenza fino all’ultimo – le prime parole di Saia commentando il voto a Isernia e a Venafro – Non era un risultato scontato, poi ci siamo concessi questa bella emozione”.

“Noi dobbiamo rendere questa istituzione una Camera dei Comuni, aumentare il confronto tra tutti i centri della provincia di Isernia per elaborare un nuovo progetto di sviluppo di tutto il territorio” aggiunge il neo presidente di via Berta, che annuncia le prime opere: “Massima attenzione sulle tre criticità infrastrutturali del territorio, sicuramente la frana di Castelpizzuto, la Fresilia e la riapertura del Ponte Sente Longo che è un’arteria importante di collegamento con l’Abruzzo e per tutto l’Altomolise”.

Potrebbe interessanti anche:

Femminicidio e violenza di genere: mozione del PD in Consiglio regionale

Il numero con i dati di ieri e fermo a 108 ma, verosimilmente e purtroppo, è destinato ad …