9.4 C
Campobasso
venerdì, Marzo 1, 2024

Donna di Modena si fa male in montagna ad Agnone, pronto l’intervento del Soccorso alpino e Speleologico

AgnoneDonna di Modena si fa male in montagna ad Agnone, pronto l'intervento del Soccorso alpino e Speleologico

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) è stato allertato questa mattina verso le 10e30 dalla Centrale operativa del 118 per un intervento tecnico sanitario di emergenza in territorio montano nel comune di Agnone.

Secondo le prime indicazioni una donna del 1956 residente nella provincia di Modena, durante un’escursione con il marito sul sentiero delle 14 croci su Montecastelbarone in Agnone, aveva subito un infortunio all’arto inferiore destro.

Una squadra del Soccorso Alpino, in coordinamento con la Centrale 118 e la postazione territoriale di Agnone, si è portata prontamente sul posto. I tecnici del Soccorso Alpino hanno preso a bordo sul mezzo fuoristrada in dotazione il medico e l’infermiere della postazione territoriale 118 di Agnone e si sono avvicinati lungo un percorso sterrato al luogo dove la donna era rimasta ferita. Con un avvicinamento a piedi di circa cinquecento metri sul sentiero, la donna è stata raggiunta dai sanitari supportati dai tecnici del CNSAS.

Il personale sanitario del 118 ha provveduto a stabilizzare la paziente e immobilizzarle l’arto. La donna, quindi, è stata condotta a monte del sentiero mediante una barella in dotazione al Soccorso Alpino. Da qui, sul veicolo fuoristrada del CNSAS è stata riportata sulla viabilità ordinaria dove c’era ad attenderla l’ambulanza del 118 di Agnone.

La perfetta coordinazione tra Centrale operativa, la postazione territoriale del 118 di Agnone e la squadra del Soccorso Alpino, ha consentito di risolvere l’intervento in tempi rapidi e di assicurare la paziente alle cure dei sanitari nel minor tempo possibile.

In relazione all’intervento appena concluso, il Soccorso Alpino raccomanda la massima prudenza per ogni attività in ambiente montano, un equipaggiamento adeguato all’attività svolta, in particolar modo le calzature utilizzate.

E ricorda che ora è gratuita l’applicazione per smartphone GeoResq del CAI e del Soccorso Alpino per il tracciamento e geolocalizzazione della propria posizione e la richiesta di soccorso in caso di necessità.

Ultime Notizie