17.1 C
Campobasso
sabato, Aprile 13, 2024

Regione: Roberti in aula per Giunta e dichiarazioni programmatiche

AperturaRegione: Roberti in aula per Giunta e dichiarazioni programmatiche

Arrivano nell’aula del Consiglio regionale le dichiarazioni programmatiche del Presidente Roberti. L’assemblea, convocata per lunedì alle 10:30, verrà messa al corrente da Roberti anche sulle recenti determinazioni che hanno portato alla composizione della Giunta. L’assetto dell’esecutivo composto da Roberti, al momento prevede soltanto tre caselle sui cinque assessori previsti: Gianluca Cefaratti del Molise che Vogliamo al Bilancio, Lavoro e Politiche sociali; Michele Marone della Lega alle infrastrutture e lavori pubblici e da ultimo – avendo fatto il suo ingresso in giunta venerdì scorso – Andrea Di Lucente di Forza Italia, titolare delle deleghe alle Attività produttive, Ambiente, Energia e Personale.

Restano quindi in attesa della nomina i due componenti assegnati a Fratelli d’Italia. Due posizioni su tre pretendenti, Micone – Iorio e D’Egidio – sulle quali la segreteria romana del partito di Giorgia Meloni sta ponderando la propria decisione.

In attesa che quindi la Giunta venga completata, Roberti si presenta in aula per declinare il proprio programma di governo per la XIII legislatura regionale, a partire da due temi fondamentali: la stabilità dei conti e il sistema sanitario regionale.

Sul primo versante il Presidente della Regione è al lavoro sin dal suo insediamento con il Ministero dell’Economia e delle Finanze per superare la voragine da circa 600 milioni di euro che rischia di inghiottire l’inter macchina amministrativa regionale. La soluzione richiederà tempo e quella che si annuncia per la politica è un’estate di lavoro. Solo a fine agosto, se non nella prima metà di settembre, il documento contabile sarà pronto per l’esame in aula.

Sul fronte Sanità sussistono al momento due questioni formali che hanno delle ampie ripercussioni sul piano sostanziale: la nomina da parte del Governo Meloni del nuovo commissario, dopo le dimissioni di Toma, e la nomina del nuovo direttore generale dell’Asrem da parte di Roberti che ha a sua disposizione tredici candidature che vengono dalle procedure espletate dalla passata amministrazione.

Insieme ai conti e alla Sanità, Roberti riferirà la sua idea di Molise, confermando l’impostazione programmatica esposta in campagna elettorale, attraverso una seri di interventi strutturali in vari settori che possano salvaguardare l’autonomia regionale e la ripresa.

Ultime Notizie