“Potrebbe essere questo lo strumento di riscatto definitivo non solo per Agnone, ma per tutto l’Alto Molise, per valorizzare sempre di più e soprattutto mettere in mostra le bellezze e i beni culturali custoditi, come uno scrigno, sul nostro territorio”. Così il sindaco di Agnone, Daniele Saia, all’indomani dell’ufficializzazione della candidatura della cittadina molisana per la Capitale italiana della Cultura 2026 (in corsa ci sono 26 località). “È un’idea e un progetto aggiunge – sul quale stiamo lavorando da tempo, sin dall’inizio del nostro insediamento quale amministrazione comunale. Prendiamola, tutti insieme, come una grande sfida, alla quale dobbiamo saper rispondere perché ne abbiamo le capacità e soprattutto abbiamo tutte le carte in regola per ottenere questo straordinario risultato”. Quanto alle altre candidature il primo cittadino sottolinea: “La concorrenza è forte e quotata, ma già ci riempie di orgoglio essere l’unica sede del Molise che aspira a diventare Capitale della cultura. L’eventuale riconoscimento ad Agnone sarebbe anche un segnale di attenzione nei confronti delle zone interne della Penisola”.

Potrebbe interessanti anche:

Disabilità gravissima, il Comune di Trivento informa sull’avviso per il caregiver familiare

Disabilità gravissima, il Comune di Trivento informa sull’avviso per il caregiver familiar…