26 C
Campobasso
martedì, Luglio 16, 2024

Elezioni regionali 2023, ribalta nazionale per il Molise

AperturaElezioni regionali 2023, ribalta nazionale per il Molise

Mai come questa volta la stampa nazionale ha mantenuto accesi i fari sul dopo elezioni e il Molise, alla vigilia indicato come potenziale laboratorio per nuove alleanze.

Su tutte quella tra il Partito democratico e il Movimento cinque stelle, suggellata nell’ormai famoso aperitivo in un bar del centro storico di Campobasso tra Elly Schlein, Giuseppe Conte e il leader della sinistra alternativa, Nicola Fratoianni.
Ma quella limonata che ha sancito il patto tra i tre secondo il Riformista si è rivelata indigesta. ‘Conte, scrive Enrico Borghi, pensava a Campobasso oggi per immaginare l’Italia di domani. Ora il risultato delle urne obbliga il partito democratico a riconsiderare la propria strategia’.
E la conferma arriva dal Corriere della Sera che annuncia la volontà di Elly a voltare pagina e nel partito è allarme per il voti in vista delle Europee: ‘Quella del Molise – ha provato a smontare Matteo Orfini uno dei big del Nazzareno – è una vicenda con caratteristiche proprie’. Subito rintuzzato però da Lorenzo Guerini secondo cui ‘senza un Pd attrattivo le alleanze non bastano’.
A quel punto, come riferisce il quotidiano Domani, meglio tornare ad un vecchio slogan: il Molise non esiste, così i Dem restano muti dopo l’ennesima sconfitta.
E lo scenario viene letto in questo modo dall’editorialista del Corriere della Sera, Massimo Franco, secondo il quale il tramonto del grillismo si proietta sulle sinistre. ‘La linea unitaria di Schlein – scrive Franco – legittima il Pd di piazza ma non conquista i voti oltre i recinti più radicali’.
Ma i veri indiziati del tracollo restano i Cinque stelle, primo partito nel 2018, a cui mancano all’appello almeno 20mila voti. Finiti, secondo il Fatto quotidiano in parte al Pd che ne guadagna rispetto alle precedenti elezioni circa 4mila e in larghissima parte alla coalizione che ha sostenuto Roberti, in primis a Fratelli d’Italia, passato dal 5 al 20 per cento.
Di tutt’altro tenore le dichiarazioni dello Stato maggiore del centro destra, Giorgia Meloni ha telefonato a Roberti per congratularsi della vittoria e augurargli buon lavoro.
I ministri Annamaria Bernini, Tajani, Salvini, Alessandra Locatelli e tantissimi deputati e senatori del centro destra hanno salutato l’affermazione di Roberti
C’è spazio anche per uno Sberleffo, rubrica pungente del Fatto, che cerca con il lanternino i voti dei centristi: Italia Viva decisiva in Molise zero eletti. Poco per consolarsi. GdT

Ultime Notizie