11.7 C
Campobasso
domenica, Marzo 3, 2024

Regionali, Schlein: “Per il Molise serve un’alleanza larga”. Nel centrosinistra tiene il nome di Gravina

AperturaRegionali, Schlein: "Per il Molise serve un'alleanza larga". Nel centrosinistra tiene il nome di Gravina

Mentre nel centrodestra si attendono sviluppi dalle segreterie romane che hanno avocato a sé il tavolo di coalizione che partorirà il nome del futuro candidato alla Presidenza della Regione, nel centrosinistra si registra nelle ultime ore una forte accelerazione. Il leader del M5S, Giuseppe Conte, ha convocato a Roma nelle prossime ore il coordinatore regionale del partito, Antonio Federico. Sempre lo stesso Conte ha in programma una serie di incontri con rappresentanti delle associazioni e delle categorie produttive molisane per acquisire elementi di valutazione ulteriori. La finalità è quella di avere un quadro complessivo e il più possibile completo della realtà molisana, oltre ad acquisire indicazioni e preferenze per eventuali candidature.

Intanto la segretaria nazionale del PD, Elly Schlein, ha parlato alla direzione del partito dicendo a chiare lettere che per il Molise occorre un’ampia alleanza di coalizione, scongiurando così ogni ipotesi di divorzio dal M5S.

Sullo sfondo di questo scenario, in casa del centrosinistra resta come più accreditata per il vertice della Regione la figura di Roberto Gravina. Il Sindaco di Campobasso è il più papabile tra i nomi messi in gioco. Il diretto interessato tace ma il silenzio, in assenza di una secca smentita o di un “No grazie resto a fare il sindaco”, la dice lunga. A volte ci sono silenzi più eloquenti di molti discorsi. Il tentativo di trasloco da Palazzo San Giorgio ai Palazzi D’Uva e D’Aimmo, resta una prospettiva più che appetibile per il primo cittadino di Campobasso al quale più che dal proprio partito, il gradimento arriva dalla seconda componente della coalizione: il Partito democratico.

Proprio dagli ambienti dem arriva la conferma che il vero none in gioco è quello di Gravina, gradito, tra gli altri, alla segreteria del Partito. In cambio al PD, in caso di ipotetica vittoria, la contropartita sarebbe rappresentata dalla vice presidenza della Giunta con deleghe importanti e la staffetta tra 5 Stelle e Partito democratico alla guida del Comune di Campobasso.

Un totocalcio politico, anzi un super enalotto ancora lontano da incasellarsi.

Ultime Notizie