11.9 C
Campobasso
sabato, Maggio 18, 2024

Consorzio di Bonifica Basso Molise, Coldiretti: un piano per pagare i debiti

AperturaConsorzio di Bonifica Basso Molise, Coldiretti: un piano per pagare i debiti

Debiti per una trentina di milioni e un management costretto ad operare tra mille difficoltà. Eppure dal Consorzio di Bonifica del Basso Molise dipende in larga parte la produzione di tante, tantissime aziende della zona a più forte vocazione agricola della regione.
La Coldiretti è tornata a lanciare un appello alla Regione, affinché si trovi una soluzione all’esposizione finanziaria dell’ente.
Con circa 30 milioni di debiti e in assenza di un piano di risanamento – ha dichiarato il direttore di Coldiretti Aniello Ascolese – appare difficile che il Consorzio possa tornare a funzionare a pieno regime in tempi brevi.
Fra le competenze dell’ente di bonifica, la più importante è quella della distribuzione dell’acqua in prevalenza per l’irrigazione dei campi. Poi, però, ci sono la tutela del territorio rurale e interventi a difesa del suolo, la pulizia e la manutenzione dei canali irrigui.
Attività fondamentali – ribadiscono dalla Coldiretti – non solo per le attività aziendali ma anche per la popolazione che vive nei territori di competenza del Consorzio.
Più volte – ha sottolineato Ascolese – è stato chiesto il piano di risanamento dell’ente, ma non è mai stato elaborato.
Per troppo tempo – ha aggiunto il vice presidente Spagnoletti – la Regione non ha prestato la giusta attenzione ai problemi dei due Consorzi di Bonifica Termoli e Larino, oggi riuniti nell’ente del Basso Molise, e questo si è tradotto in un disservizio per le imprese agricole che, specie in questo periodo, necessitano di acqua per garantire la produzione di molte colture a pieno campo.
Per queste ragioni la è tornata ad appellarsi alla Regione affinchè venga al più presto realizzato un Piano di risanamento del debitoria che di fatto paralizza l’attività consortile in modo tale che il nuovo Consorzio di Bonifca possa dotarsi presto di una dirigenza e ricominciare ad operare in maniera efficiente a favore delle aziende agricole e del territorio.

Ultime Notizie