7.8 C
Campobasso
mercoledì, Aprile 24, 2024

Omicidio Santa Maria del Molise, per il riesame carcere per Irma Forte: si attende la Cassazione

AttualitàOmicidio Santa Maria del Molise, per il riesame carcere per Irma Forte: si attende la Cassazione

Per il riesame Irma Forte deve essere detenuta in carcere e non ai domiciliari. È quanto hanno sentenziato i giudici del tribunale di Campobasso accogliendo la richiesta della Procura di Isernia nei confronti della 66enne che ha confessato di aver ucciso suo marito Carlo Giancola nell’abitazione di via XXV settembre a Santa Maria del Molise.

Nei prossimi giorni le motivazioni del verdetto. Ma intanto la donna resta ai domiciliari nella casa di suo fratello come disposto dal GIP Michaela Sapio.

Si attende, infatti, il pronunciamento della Cassazione. Gli avvocati della difesa Demetrio Rivellino e Giuseppe De Rubertis  hanno presentato ricorso proprio alla Suprema Corte opponendosi all’ipotesi di detenzione in carcere. I risultati degli esami condotti dai carabinieri del RIS sul luogo del delitto faranno luce su quanto avvenuto all’alba della scorsa Vigilia di Natale. Secondo le ricostruzioni, l’omicidio di Carlo Giancola sarebbe avvenuto all’apice di una lite molto accesa.

Nell’impeto Irma Forte avrebbe colpito più volte alla testa con un ciocco di legno il marito di 72 anni. Da lì lo choc, la chiamata alle Forze dell’Ordine, la confessione dell’omicidio che ha lasciato sconvolta un’intera comunità.

Ultime Notizie