“Ho provato una grandissima emozione, soprattutto perché è stato un evento inaspettato. Appena lo abbiamo saputo in tutta la mia famiglia c’è stato un grande entusiasmo”. Così Mario Amatuzio, il 17enne di Bojano nominato “Alfiere della Repubblica dal presidente Sergio Mattarella parla dell’onorificenza ricevuta per il suo impegno durante la pandemia. “In quel periodo così difficile – racconta – c’erano tante persone che avevano bisogno di un aiuto ed era giusto che a mobilitarsi fossero soprattutto i giovani. Allora ho deciso di farlo insieme a mia sorella, andavamo a portare cibo e medicinali agli anziani soli e a far loro compagnia”. Mario Amatuzio, che stamattina ha appreso la notizia del riconoscimento del Capo dello Stato mentre era a scuola, è oggi impegnato anche per i disabili e per le vittime di bullismo. “La mia lotta al bullismo – rivela – è nata da esperienze personali che ho vissuto in passato”.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia – La Guardia di Finanza scopre una truffa sul superbonus, quattro arresti

La Guardia di Finanza di Isernia, coordinata dalla Procura, ha arrestato quattro persone i…