Ad un punto di svolta una delle inchieste sulla gestione della pandemia in Molise. Questa mattina udienza davanti al giudice delle indagini preliminari Roberta D’Onofrio per 4 indagati. Per tutti il procuratore Nicola D’Angelo non ha ravvisato reati e ha dunque chiesto l’archiviazione, richiesta alla quale si oppongono i familiari delle vittime del covid con il loro Comitato. Di qui l’udienza con la quale il giudice deve stabire se archiviare tutto o far proseguire la vicenda giudiziaria. La D’Onofrio si è riservata la decisione e il verdetto dunque arriverà verosimilmente nei prossimi giorni. Nell’inchiesta sono coinvolti il direttore generale dell’Asrem Oreste Florenzano, l’ex direttore sanitario dell’Azienda sanitaria Virgiinia Scafarto, l’ex direttore sanitario facente funzioni dell’ospedale Cardarelli di Campobasso Celestino Sassi e l’ex commissario della sanità molisana Angelo Giustini. Proprio Giustini era l’unico presente in aula stamattina. Tra i reati contestati, per fatti avvenuti tra il 2019 e il 2021, ci sono a vario titolo l’epidemia colposa, l’omicidio colposo, l’omissione di atti d’ufficio. Molte altre vicende sono state stralciate. In occasione dell’udienza i familiari delle vittime hanno tenuto un presidio davanti al Tribunale, auspicano che le inchieste sulla gestione della pandemia vadano avanti e non vengano archiviate.

Potrebbe interessanti anche:

Trasporti. Consiglio regionale unito per la soluzione della vertenza Atm

Si è trasformato in una riunione fiume tra i rappresentanti del Consiglio regionale e quel…