Giornata molisana per il Commissario straordinario del Governo della ZES Adriatica interregionale Puglia–Molise, Manilio Guadagnuolo che ha incontrato i vertici dell’associazione industriali. Obiettivo: fare il punto sui risultati finora raggiunti in Molise con l’attuazione della zona economica speciale, istituita il 3 settembre 2019. Nel corso dell’incontro Guadagnuolo ha fornito i dati relativi ai primi quattro mesi: in Molise sono 5 le istanze approvate, per un investimento complessivo di 120 milioni di euro, con la creazione di circa duecento nuovi posti di lavoro. Complessivamente , tra Molise e Puglia le istanze domande sono state 52, per 350 milioni di investimenti, e l’occupazione di oltre 1200 persone. Un risultato importante che rappresenta un passo in avanti per la crescita economica e sociale delle due regioni.
L’obiettivo della zes è quello di incentivare e semplificare l’attività imprenditoriale attraverso agevolazioni, semplificazioni ed incentivi a vario titolo. Le zone economiche speciali sono composte da porti, a piattaforme logistiche e interporti, durano almeno sette anni, possono essere regionali o interregionali e contemplare anche aree non adiacenti ma connesse sul piano economico ed infrastrutturale. I beneficiari sono le imprese che operano nel territorio di una Zona economica speciale, possono beneficiare di un pacchetto di agevolazioni fiscali, sotto forma di credito di imposta, incentivi economici e semplificazioni amministrative. Insomma, un insieme di opportunità a favore di piccole, medie e grandi imprese che decidono investire nelle regioni italiane meno industrializzate del nostro Paese e creare condizioni favorevoli per lo sviluppo del Sud Italia.

Potrebbe interessanti anche:

Offriva servizi streaming a prezzi stracciati, a processo 37enne iserinino

Offriva in maniera fraudolenta servizi di streaming a prezzi stracciati. Sarebbe questa l’…