L’inquinamento ambientale della piana di Venafro al centro di 4 anni di serrate indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Isernia, grazie all’impiego delle forze dei Carabinieri, del Nucleo Operativo Ecologico, e dei Forestali.

Supera complessivamente i 121 mila metri quadrati l’area certamente contaminata da cadmio nei territori di Venafro, Pozzilli e Sesto Campano. È il dato evidenziato dal Procuratore capo Carlo Fucci che, nell’aula Moro del Tribunale, ha descritto le svolte salienti dei lunghi mesi di lavoro. Diversi i procedimenti aperti nei confronti di alcune aziende della zona, numerose le criticità rilevate. Anche in relazione alle normative che – come spiegato da Fucci – consentirebbero ad attività potenzialmente pericolose di operare con sistemi che non permettono controlli effettivi delle emissioni prodotte.

“Abbiamo attenzionato tutte le attività produttive pericolose dell’area e abbiamo rilevato criticità nei sistemi di controllo e autocontrollo delle stesse – ha commentato Fucci – Tutto ciò ha portato all’esercizio di diverse azioni penali e di illecito amministrativo.”

I risultati delle indagini sono stati già trasmessi al Ministero dell’Ambiente, al Presidente della Regione Toma, all’ARPAM e ai Sindaci dei Comuni coinvolti. Per il Procuratore ora tocca alla politica fare nuovi passi avanti.

GUARDA QUI IL SERVIZIO COMPLETO

 

Potrebbe interessanti anche:

Colletorto: morto dopo il vaccino anti-Covid, scatta l’indennizzo

I primi sintomi si erano presentati subito dopo la dose di vaccino. L’uomo di 72 ann…