Alle polemiche sollevate da Neuromed e Gemelli nei confronti del commissario ad acta alla Sanità  sul mancato pagamento delle fatture emesse per le prestazioni erogate nell’ultimo bimestre 2022  ha risposto lo stesso Toma in maniera ferma e decisa. “Siamo pronti a firmare i contratti in qualsiasi momento – ha dichiarato – Ognuno deve fare la propria parte per garantire la cura e l’assistenza agli incolpevoli cittadini. Non appena saranno apposte le firme sui documenti partiranno i pagamenti”. E alla minaccia di chiusura e della dimissione di tutti i pazienti ricoverati, avanzata dal Neuromed, Toma si è limitato a rispondere che i ricoverati on possono essere dimessi e che è il caso di farla finita con gli allarmismi che non giovano a nessuno. Insomma un botta e risposta che sta infiammando il clima di una sanità già alle prese con tante criticità.

Potrebbe interessanti anche:

Borsa internazionale del turismo 2023. Il Molise in vetrina a Milano

Appuntamento per il Molise alla Bit di Milano, la borsa internazionale del turismo che si …