Dopo aver falcidiato la sanità pubblica ecco che inizia anche l’opera di distruzione della sanità privata”. Lo afferma in una nota l’ex presidente della Regione Michele Iorio. “Si apprende – scrive in una nota – che la Regione ha deciso di non riconoscere le prestazioni delle strutture che non hanno sottoscritto il nuovo contratto chiedendo l’immediata sospensione delle cure per i pazienti ricoverati anche in gravi condizioni e l’immediato svuotamento dei posti letto. “Vista l’assoluta indisponibilità di Toma a qualsiasi confronto – prosegue Iorio – e viste le premesse di un’azione distruttiva anche delle strutture private, mi trovo costretto ad indirizzare una precisa relazione al ministro della Salute perché intervenga con urgenza in questa situazione drammatica e chiedo a Donato Toma di revocare il provvedimento inappropriato e pericoloso per la salute dei molisani”.

Potrebbe interessanti anche:

Offriva servizi streaming a prezzi stracciati, a processo 37enne iserinino

Offriva in maniera fraudolenta servizi di streaming a prezzi stracciati. Sarebbe questa l’…