Il primo forno crematorio del Molise potrebbe essere realizzato a Larino: la proposta è stata avanzata dalla Di Lorenzo, una ditta con sede a Montecorvino Pugliano, in provincia Di Salerno.

Il progetto ha ottenuto il consenso in giunta comunale, ma per il via libera definitivo bisognerà seguire il solito iter burocratico.

Un progetto di finanza di circa 3 milioni e 360mila euro, in sostanza, le spese sono a carico della ditta che a sua volta otterrebbe la gestione per 30 anni.

Si tratterebbe di ampliare il cimitero con la realizzazione di nuovi loculi e la costruzione di un forno crematorio al suo interno.

Una proposta dettata dalla scarsa disponibilità di spazi per la sepoltura e da un attento studio che evidenzia un aumento di richieste di cremazione sia da parte dei cittadini del comune frentano, ma anche da parte di quelli limitrofi.

Dall’accordo tra comune e ditta, a trarne beneficio sarebbe anche l’ amministrazione comunale: un servizio per la cittadinanza, senza gravare sul bilancio del comune, un’ opportunità da non sottovalutare, tenuto conto della situazione economico-finanziaria nella quale è obbligata a muoversi la maggior parte degli Enti Locali, aggravata dagli effetti del recente Covid  e della guerra in corso in Europa , con le relative ricadute sui mercati e sui bilanci pubblici.

Parere contrario arriva dal consigliere  regionale del M5s Vittorio Nola : “Un’iniziativa- ha commentato Nola- che non è stata concertata né con la popolazione, né tanto meno con le associazioni del territorio. Sul forno crematorio- ha continuato nella nota- al di là della reale efficienza ed efficacia della struttura, sarebbe opportuno conoscere se l’amministrazione abbia proceduto ad un attento e scrupoloso studio di fattibilità economica per valutare le offerte più vantaggiose. Inoltre, in un periodo di forte crisi, altra domanda è se siano state interessate ditte specializzate molisane per realizzare l’impianto.”

Il primo cittadino di Larino, ha detto a noi di Telemolise che tutte le procedure sono state fatte secondo le norme previste e al momento è stato approvato solo uno studio di fattibilità. Puchetti si dice disponibile a rispondere a qualsiasi domanda del consigliere pentastellato.

“Nei prossimi giorni- ha fatto sapere il sindaco – verrà organizzato un incontro con la cittadinanza per illustrare il progetto.”

Potrebbe interessanti anche:

Offriva servizi streaming a prezzi stracciati, a processo 37enne iserinino

Offriva in maniera fraudolenta servizi di streaming a prezzi stracciati. Sarebbe questa l’…