Sulle undici rilevazioni effettuate, tre hanno fatto riscontrare valori di arsenico e magnesio nel terreno sopra la soglia massima consentita. Sono questi i dati che emergono dall’analisi dei campionamenti commissionati da Arpa Molise sulla proprietà del termovalorizzatore di Herambiente a Pozzilli. La questione, sollevata dalla stessa società che gestisce l’inceneritore, è stata al centro delle discussioni della conferenza dei servizi che si è svolta questa mattina in municipio. Oltre al sindaco nonché presidente del Consorzio di Bonifica di Isernia-Venafro Stefania Passarelli, presenti i tecnici di Arpa, della Provincia, e i responsabili di Herambiente.

“Herambiente ha presentato uno studio e declina ogni responsabilità perché sostiene che sia un problema geologico che derivi dal fondo. Arpa Molise, invece, sostiene di fare uno studio allargato sul territorio per accertare le cause di questi valori” ha spiegato Passarelli. La conferenza si aggiornerà entro 90 giorni. In programma nuovi campionamenti che coinvolgeranno diversi Comuni della piana di Venafro. Obiettivo è quello di vederci chiaro, capire se ci sono problemi d’inquinamento e, eventualmente, procedere con interventi di bonifica.

Il sindaco di Pozzilli invita a non creare allarmismi. Sul tavolo anche la possibilità che i valori al di sopra della soglia siano stati determinati da particolari conformazioni geologiche dell’area.

Potrebbe interessanti anche:

Offriva servizi streaming a prezzi stracciati, a processo 37enne iserinino

Offriva in maniera fraudolenta servizi di streaming a prezzi stracciati. Sarebbe questa l’…