Novanta tre chilometri d’acqua da trasformare in ricchezza. E’ questo il tema portante della proposta di legge per l’istituzione del Parco fluviale del Biferno presentata dal Movimento 5 Stelle in Regione. Trasformare quindi una risorsa idrica in una grande opportunità di crescita per il territorio attraversato dal principale fiume regionale. Turismo, sport, ristorazione, tutela della flora e della fauna, ricerca scientifica: sono queste solo alcune delle attività oggetto di sviluppo. Un’operazione impegnativa sul piano infrastrutturale da affidare ad un apposito Ente da costituire.

Sul piano infrastrutturale, l’Ente parco fluviale del Biferno potrà consentire il pieno recupero delle infrastrutture sorte attorno all’invaso del Liscione e che l’incuria umana e la malasorte hanno ridotto ad un ammasso di ruderi.

Un progetto ambizioso, quello dei 5 Stelle, capace di coinvolgere istituzioni, enti, privati e che ha tutte le carte in regola per essere approvato nella coda della legislatura regionale in corso.

Potrebbe interessanti anche:

Nuovo ricovero per Bregantini, la Diocesi: “L’arcivescovo affronta con serenità questa ulteriore prova”

Nuovo ricovero per monsignor Giancarlo Bregantini. Dopo quello al Neuromed delle settimane…