Venti anni. Tanto è il tempo passato dalla tragedia di San Giuliano di Puglia. Venti lunghi anni e una ferita che resta aperta. Un dolore che rappresenta un monito per il futuro e per sempre, come è stato ricordato questa mattina in Consiglio regionale in occasione della “Giornata della memoria”. Un’assise particolarmente commossa che si è aperta con l’intervento del presidente del Consiglio Micone, seguito dalle parole dell’assessore Filomena Calenda, per la maggioranza, e Fabio De Chirico per le opposizioni. A chiudere la cerimonia è stato il presidente della regione Toma, visibilmente commosso. Da lui il ricordo di quel giorno e di quell’ora precise, insieme all’impegno su un versante, quello della sicurezza, che non può avere battute d’arresto.

La memoria di quell’attimo preciso anche elle parole del Presidente del Consiglio, Salvatore Micone, la commozione per le vittime e insieme l’affetto e la vicinanza per chi in quella circostanza si salvò. Ragazzi che oggi sono diventati uomini e donne, professionisti e patrimonio del Molise.

Potrebbe interessanti anche:

Nella notte incidente al terminal bus di Campobasso: feriti 5 giovani

A Campobasso durante la notte scorsa si è verificato un incidente stradale tra due auto su…