I limiti ci sono e non vanno oltrepassati. Quando si superano passiamo dal piano delle ragazzate a quello dei reati. E ora questi limite sono stati superati” Il sindaco Alfredo Ricci commenta così il danneggiamento di una parte dall’antico lavatoio di Venafro. Calcinacci, Pacchi di sigarette e altri rifiuti a terra. Pezzi del davanzale della struttura buttati in acqua. Si presenta così una delle strutture più simboliche del centro molisano. S’indaga sui responsabili della vicenda, alcuni video registrati dalle telecamere installate in zona potrebbero portare a una chiara definizione di quanto avvenuto. E intanto Ricci si prepara a informare le autorità competenti. “Noi presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica, questi atti vandalici non sono una novità da qualche tempo a questa parte. Evidentemente, quando colpiscono strutture simbolo di Venafro, non possono passare sotto traccia. Facciamo anche un appello ai responsabili: se si metteranno in contatto subito con l’Amministrazione possiamo trovare delle soluzioni per capire cosa è accaduto e per trovare forme riparatorie differenti. L’obiettivo è quello di sensibilizzare a una maggiore coscienza civica“.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 135 nuovi casi su 611 tamponi

I nuovi casi da Covid sono 135 in Molise, esito dei 611 tamponi processati, con il tasso d…