Percettori del reddito di cittadinanza al lavoro. Anche a Venafro arriva la delibera di giunta che attiva i cosiddetti PUC, i Progetti utili alla comunità. Svariati gli ambiti che vedranno coinvolti i cittadini selezionati, si spazia dalla cura del verde pubblico alla manutenzione, dalla cultura al sociale, passando per il turismo con il servizio d’accoglienza nei siti archeologici venafrani.

“Una misura che ritengo utile e che dà respiro ai Comuni” ha detto l’Assessore alle politiche sociali Angelamaria Tommasone. Secondo l’amministratrice il reddito di cittadinanza va riletto in chiave psicologica, in quanto strumento importante per motivare i beneficiari e per farli sentire valorizzati e utili per la comunità. “I percettori del reddito danno una grande mano agli enti che si trovano ad affrontare problemi di carenza di personale e che sono impossibilitati ad assumere nuovo personale” ha spiegato la Tommasone.

Si partirà dalla selezione di 20 candidati per poi scalare la graduatoria fino ad arrivare all’impiego di circa 80 cittadini. La loro attività per il Comune di Venafro inizierà subito dopo un periodo di formazione sulla sicurezza sul lavoro.

Potrebbe interessanti anche:

Fiamme in una casa di Montecilfone: muore una donna, ferito il marito

Tragedia a Montecilfone, fiamme divampano in una casa alla periferia del paese. Muore una …