Turni sfiancanti da gestire con poco personale. Preoccupa la situazione dell’ospedale Veneziale di Isernia e, in particolare, del Pronto Soccorso portato ali limite delle sue possibilità. E ancora una volta a intervenire è il primario Lucio Pastore. Dopo aver protestato contro le istituzioni scegliendo di non sottoscrivere la programmazione dei turni lavorativi, il medico ha deciso di rivolgersi insieme al sindacato della CGIL alla Procura di Isernia per segnalare tutte le criticità.

La situazione è diventata drammatica, quasi ingestibile. Non abbiamo personale, abbiamo difficoltà settimana per settimana a fare i turni. Non vengono rispettate le normative europee. – ha spiegato Pastore – In questo scenario critico, abbiamo deciso di rivolgerci alla Procura di Isernia perché non abbiamo ricevuto risposte dalla politica. Il Procuratore Carlo Fucci è stato molto disponibile e ha ribadito che, se nell’ambito della problematica esposta dovessero esserci elementi giudiziari, allora procederanno a intervenire. L’intenzione è quella di ricollegarsi anche alle altre Procure regionali, perché le criticità del sistema sanitario riguardano tutto il Molise.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 178 nuovi contagi con il tasso di positività alle stelle

Sono 178 i nuovi contagi in Molise nelle ultime ore, sui 407 tamponi processati, con il ta…