L’aspetto piu’ urgente su cui sta lavorando la società rossoblu riguarda l’allestimento di un ritiro che, forse, si sarebbe potuto organizzare prima della sospensiva del Consiglio di Stato. Pare che la dirigenza stia incontrando difficoltà di carattere logistico nel reperimento di professionisti indispensabili per lo svolgimento dello stesso. Ad ogni modo, sembra si stiano limando gli ultimi dettagli e a giorni dovrebbe partire con i lavori agli ordini di Prosperi e non troppo lontano dal capoluogo, anzi sembrerebbe confermata l’opzione Vinchiaturo. Impossibile trovare strutture ricettive libere a Rivisondoli, sede inizialmente stabilita. A proposito dei calciatori rossoblu sotto contratto, questi ultimi sono stati oggetto di tante attenzioni da parte di numerose società com’è normale che sia. I post che sono comparsi via social di commiato alla società rossoblu dopo le bocciature rimediate stonano evidentemente con il rispetto dei contratti. I tesserati con un contratto biennale non sono mai stati di un’altra società se non del Campobasso. L’estate del calcio rossoblu e dei tribunali avrà il suo culmine giovedì venticinque agosto con il pronunciamento del Consiglio di Stato in seduta collegiale e con la partecipazione dell’altra parte, cioè la Figc. Ricordiamo che la sospensiva è stata emessa dal dottor Caracciolo inaudita altera parte, senza ascoltare le ragioni dei controinteressati, detto con una formula latina.

Prosperi

La Figc ora si ritrova in una situazione abbastanza aggrovigliata. È trascorsa solo qualche ora fra la sospensiva del Consiglio di Stato e la composizione dei gironi di Lega Pro. Il Teramo, l’altra società esclusa dal Tar insieme con il Campobasso, dovrebbe depositare domani il suo ricorso. Nelle ore successive al decreto del dottor Caracciolo è iniziato una specie di muro contro muro fra federazione e Consiglio di Stato con lo stesso vertice Lega Pro che ha usato del sarcasmo sull’udienza del venticinque agosto forse dettata dalle ferie agostane a suo avviso; non si è fatta attendere la replica del dottor Caracciolo ad avviso del quale va rispettato il calendario delle udienze ed ha suggerito alla Figc di riammettere provvisoriamente la società ricorrente, cioè il Campobasso. Fatto per ora non avvenuto. La Figc ritiene che si possa aspettare e che si debba rinviare l’inizio del torneo, forse di una settimana. Nel caso in cui il venticinque prossimo il Consiglio dovesse confermare la sospensiva, da li via ad una serie di considerazioni anche sulla scrittura delle regole federali, giudicate fra i vari punti analizzati, troppo formali da Barra Caracciolo. A causa di una turnazione, quest’ultimo non sarà presente all’udienza collegiale del venticinque agosto. Verrà sostituito dal Dottor Lotti. Ci sarà una composizione di otto giudici che dovranno pronunciarsi nel merito della vicenda del Campobasso.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio a 5, A2, Cln Cus Molise, domani l’esordio casalingo. La Bella punta la Lazio: “Vogliamo la prima vittoria”

Si è presentato come meglio non avrebbe potuto, Carlo La Bella che sabato scorso, all’esor…