Il presidente del Comitato dell’ospedale ‘San Timoteo’ di Termoli, Nicola Felice, chiede che il presidente della Regione Molise, Donato Toma, si dimetta affinché il rinnovo del Consiglio regionale, previsto a giugno 2023, avvenga anticipatamente in concomitanza con le politiche del 25 settembre prossimo. Il Molise, dunque, come la Sicilia con Musumeci.

“Le elezioni per il rinnovo dell’assemblea regionale dovranno svolgersi nella primavera del 2023, circa sei mesi dalle prossime politiche – dichiara Felice – Si può immaginare facilmente che, da oggi e fino al rinnovo del Consiglio regionale, vivremo un lungo periodo politico molto tormentato, in perenne campagna elettorale e con gli addetti ai lavori, dirigenti di partiti e/o movimenti, candidati, tutti principalmente presi dalle candidature, senza escludere ripicche per i tanti delusi nella tornata elettorale per il rinnovo del Parlamento. Ciò – continua – ci fa immaginare che in questo lungo periodo, i veri problemi come sanità, lavoro, sociale e le possibili soluzioni da adottare, difficilmente saranno all’ordine del giorno della nostra classe politica e amministrativa. Così stando le cose, penso che ai molisani non può che convenire andare a votare subito. Tutto questo consentirà di avere la nuova assemblea regionale sin dal prossimo autunno, quindi nella possibilità di operare nella pienezza dei poteri per affrontare e risolvere le criticità che da tempo attanagliano il Molise. Per giungere a ciò – conclude Nicola Felice – si auspica un atto di orgoglio del presidente Toma: rassegni le dimissioni e indìca le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale per il 25 settembre prossimo”.

Potrebbe interessanti anche:

A Poggio Sannita arriva la sagra di salsiccia e friarelli

Il 19 agosto 2022 dalle ore 20 a Poggio Sannita in via Parallela si terrà la sagra “…