L’interessata non ne ha fatto mai mistero e l’ambizione è legittimata da un curriculum che la giustifica ampiamente. Non desta quindi sorpresa il fatto che Micaela Fanelli, capogruppo regionale del PD, punti allo scranno più alto della Regione, quello di Presidente. C’è questa prospettiva alla base della sua mancata disponibilità a correre per il Parlamento. A chiedere l’impegno in prima persona, erano stati i vertici nazionali del partito, il cui obiettivo è quello di massimizzare l’espressione di voto in un momento particolarmente difficile per i democratici.

La scelta di Fanelli, tuttavia, era prevedibile vista l’interlocuzione avuta nelle scorse settimane col segretario regionale Facciolla (che invece alle politiche ci sarà), incontro nel corso del quale l’ex sindaco di Riccia si era dichiarata disponibile solo per le regionali. Ho già corso due volte per le politiche, adesso gli obiettivi sono altri. Questo, in sintesi, il pensiero dell’interessata. Bisognerà adesso capire quale accoglimento avrà questa posizione all’interno del partito. Alle regionali 2023 non manca molto e dopo le elezioni politiche i partiti saranno chiamati a scegliere chi correrà per il ruolo di governatore. E’ lì che si misurerà la bontà o meno della scelta fatta oggi da Micaela Fanelli.

Per i tredici nomi in campo, si tratta in tutti i casi di maggiorenti del Partito Democratico. Oltre a Vittorino Facciolla hanno dato la propria disponibilità: Oscar Scurti,Bibiana Chierchia, Giovanna Viola, Francesco Sonesi, Andrea Vertolo, Giuseppe cecere, Carlo Veneziale, Ovidio Bontempo, Stefano Buono, Caterina Cerroni eMariateresa D’Achille.

Potrebbe interessanti anche:

A Poggio Sannita arriva la sagra di salsiccia e friarelli

Il 19 agosto 2022 dalle ore 20 a Poggio Sannita in via Parallela si terrà la sagra “…