Presentato a Trivento l’evento di fiber art dell’associazione Un Filo che Unisce “Kaleidos – Fra (m) menti di donne”. Una successione di quadri ed installazioni, realizzati con fibre tessili, tessuti o filati, a rappresentare il cammino delle donne, nel corso degli anni, con i molteplici cambiamenti avvenuti, come frammenti da quì il titolo, lungo la monumentale scalinata di san Nicola a Trivento. “Abbiamo avuto un riscontro più che positivo – il commento del presidente dell’associazione Un Filo che Unisce, Michela Anziano – siamo consapevoli di aver avuto una crescita in questi anni, maggiore competenza tecnica, abbiamo la consapevolezza di un percorso, siamo riusciti a rappresentare qualcosa di diverso, ognuno di noi è stato in grado di realizzare un’opera compiuta”. La mostra, che rimarrà aperta fino al 30 luglio, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 per poi ripetersi nella settimana di Ferragosto, ha avuto come ospiti le signore di Limosano, con la referente Daniela del Gobbo, con le quali il prossimo 13 agosto si terrà una esposizione a Limosano, poi anche l’associazione Liberaluna, rappresentata dalla vice presidente Emanuela Galasso.  Particolarmente apprezzata anche la presenza di Marzia Lamelsa, grafica di professione e presente con una sua opera. Ad aprire ufficialmente l’evento il primo cittadino Pasquale Corallo, “Ringrazio l’associazione Un filo che unisce – il commento a caldo del sindaco – per tutto quello che ha fatto e farà, per aver fin ora creato legami proficui con altri Comuni molisani e nazionali. Stiamo portando il nome di Trivento ovunque e colgo l’occasione per porgere un saluto al sindaco di Canicattì, Vincenzo Corbo, amministrazione comunale con la quale abbiamo siglato il Patto di amicizia grazie, appunto, all’associazione “Un Filo che Unisce”. Infine, ringrazio le signore di Limosano, saluto la dottoressa stilista Daniela del Gobbo, e l’associazione Liberaluna, rappresentata dalla vice presidente Emanuela Galasso, con la quale abbiamo ideato un futuro evento, presso la piazzetta del Sorriso a Trivento, dove sarà installata una panchina rossa, simbolo del rifiuto della violenza di genere. Ci saranno anche altre iniziative, fino a culminare con il 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità: accolto ricorso Gemelli Molise, sospesa efficacia decreto Toma

Il Tar Molise ha sospeso l’efficacia del decreto commissariale e di tutti gli atti c…